Elettricità e gas, il TAR blocca gli aumenti

Il TAR della Lombardia mette un freno almeno relativamente ai rincari in bolletta scattati dal primo luglio; accolto il ricorso del Codacons su possibili illeciti.

Il TAR della Lombardia blocca gli aumenti alle bollette della luce e del gas che sarebbero arrivati sulle spalle dei contribuenti in virtù dei rincari scattati lo scorso luglio. La sospensione in via cautelare dei contestati aumenti è scattata in accoglimento del ricorso presentato da Codacons, secondo cui erano presenti speculazioni dei grossisti sul mercato.

=> L’elettricità è una rivoluzione che cambia il modo di fare azienda

A questo punto il procedimento subisce un rinvio alla camera di consiglio, previsto per il prossimo 15 settembre.

La sospensione dell’efficacia della deliberazione dell’Autorità per l’Energia del 28 giugno scorso apre i festeggiamenti dell’associazione dei consumatori che dichiara:

“Grazie al Codacons 30 milioni di italiani riceveranno la prossima bolletta della luce e del gas ribassata e senza aumenti”.

In pratica gli aumenti bloccati consentono al momento, per una famiglia tipo, un risparmio di 4.3 punti percentuali per quanto riguarda l’energia elettrica e 1.9 per il gas. Le stesse percentuali, con le dovute proporzioni saranno risparmiate anche da nuclei di maggiori dimensioni e altre tipologie di contribuenti.

Sarebbe stato, secondo quanto spiegato dal Codacons stesso in un comunicato:

Un “danno grave ed irreparabile soprattutto per la vastissima platea che compone i singoli utenti finali e d’altro canto, i relativi aumenti se dimostrati legittimi, potranno essere agevolmente recuperati nell’ambito degli ulteriori sistemi di fatturazione attraverso idonee ed eque modalità di prelievo”.

X
Se vuoi aggiornamenti su Elettricità e gas, il TAR blocca gli aumenti

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy