Commissione europea: un database di esperti

La Commissione europea permette ad esperti professionisti nel settore pubblico o privato di candidarsi per partecipare direttamente alla gestione del 7° Programma Quadro

Giungono nuove informazioni riguardanti il Settimo programma quadro di ricerca e sviluppo tecnologico voluto dalla Commissione europea, che interessa molto da vicino le piccole e medie imprese.




Tra la fine del 2006 e l’inizio del nuovo anno diversi sono stati gli input per parlare di questo progetto, in occasione dell’imminente partenza, in seguito al primo invito da parte dell’Unione Europea e alla pubblicazione della suddivisione del budget nei diversi settori.


La novità ora riguarda l’intenzione della Commissione europea di creare un database in grado di raccogliere un gruppo di esperti che andranno a collaborare con i servizi della Direzione Generale Ricerca, che si occupa della gestione del programma.


Si tratta di due inviti, secondo quanto pubblica il Sole 24 Ore, uno rivolto al singolo individuo dotato di esperienza professionale nel settore pubblico o privato, l’altro rivolto alle organizzazioni che presentino elenchi di esperti. La Commissione europea sollecita la presentazione delle candidature in modo da poter avere a disposizione un elenco di partenza per effettuare le prime valutazioni. Le candidature possono essere presentate online, accedendo al sito di Cordis (Community Research & Development Information Service).

X
Se vuoi aggiornamenti su Commissione europea: un database di esperti

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy