Edilizia, è crisi in Sardegna

Bilancio negativo per le imprese sarde dell’edilizia nell’ultimo anno: la situazione Provincia per Provincia.

La Sardegna è stata caratterizzata da una notevole perdita di imprese attive nel ramo dell’edilizia, che ha portato a conteggiare 328 aziende in meno negli ultimi dodici mesi. Una situazione che riguarda le imprese artigiane edili isolane e che ha avuto pesanti conseguenze dal punto di vista occupazionale.

=> Edilizia: riduzione contributiva 2016

Crisi edilizia

Come rivela il dossier “La difficile ripartenza” elaborato dell’Ufficio Studi Nazionale di Confartigianato, il numero di lavoratori attivi nelle imprese edili (considerando edili, impiantisti, installatori, progettisti e servizi) è passato da 67.101 unità nel 2008 a 31.494 nel 2016, in pratica il 53,1% in meno.

«Dal 2008 – ha affermato Giacomo Meloni, Presidente di Confartigianato Edilizia Sardegna – il comparto dell’edilizia ha perso 36mila posti di lavoro. È come se dicessimo che in una città grande come Nuoro, tutti, neonati e ultracentenari inclusi, avessero perso il posto. L’occupazione è stata letteralmente dimezzata: in Italia non esiste un dato peggiore di quello registrato in Sardegna.»

Province

Tra le Province sarde, Oristano mostra un saldo tra nuove aperture e chiusure pari a meno 42 imprese), seguita da Cagliari (meno 109), Nuoro (meno 63) e Sassari (meno 113).

=> Leggi tutte le news per le PMI della Sardegna

X
Se vuoi aggiornamenti su Edilizia, è crisi in Sardegna

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy