Competitività, le imprese chiedono sgravi

Nuove assunzioni legate agli sgravi contributivi più che alla flessibilità del nuovo tempo indeterminato: rapporto ISTAT sulle dinamiche domanda di lavoro in Italia.

Rapporto ISTAT

A generare occupazione in Italia non è stato il contratto a tutele crescenti introdotto dal Jobs Act, ma gli sgravi contributivi previsti dalla Legge di Stabilità: l’ultima conferma arriva dall’ISTAT, con il “Rapporto sulla competitività dei settori produttivi“, che analizza le dinamiche della domanda di lavoro delle imprese nel 2015. Un’indagine a campione tra le imprese del Manifatturiero e dei Servizi ha inoltre permesso di approfondire:

«le valutazioni degli imprenditori in merito alle conseguenze della crisi, all’esternalizzazione di alcune funzioni aziendali, all’adeguatezza del proprio potenziale produttivo».

=> Assunzioni in Italia: frena il precariato

Ebbene, fra le imprese che hanno effettuato nuove assunzioni aumentando l’organico, l’esonero contributivo ha svolto un ruolo fondamentale nel 50% dei casi nel Manifatturiero e nel 61% nei Servizi. Più basse le percentuali di imprese che hanno ritenuto molto o abbastanza importante il nuovo contratto indeterminato introdotto dal Jobs Act, che ha ridotto le protezioni contro il licenziamento previste dall’articolo 18: il 35% nel Manifatturiero, il 49,5% nei Servizi.

Il sottosegretrario alla presidenza del Consiglio, Tommaso Nannicini, ha commentato i dati spiegando che le due misure sono state pensate come complementari, ma che l’agevolazione contributiva è di carattere congiunturale, mentre per il futuro bisogna intervenire strutturalmente sulla riduzione del costo del lavoro.

=> Assunzioni: boom indeterminato e voucher lavoro

Molto meno evidente il contributo delle agevolazioni IRAP, che non raggiunge il 20% nella Manifattura, mentre è considerato più importante, arrivando al 40%, nei Servizi. Per quanto riguarda gli altri fattori, nel Manifatturiero l’aumento dell’occupazione è stato guidato dall’aumento della domanda interna ed estera, mentre nei Servizi appare molto più rilevante la sola domanda interna. In entrambi i comparti l’influenza esercitata da fattori di natura aziendale (riorganizzazioni, diversificazione produttiva) ai fini dell’assunzione di nuovo personale è molto più limitata.

=> Posti di lavoro in Italia: la guerra dei numeri

L’analisi dell’andamento delle nuove assunzioni nel corso dell’anno mostra come, nel primo trimestre, l’aumento complessivo delle ore lavorate sia stato trainato essenzialmente dall’aumento per dipendente, mentre nel secondo e terzo trimestre sono tornare ad aumentare le posizioni lavorative. In particolare, nel periodo luglio-settembre il livello occupazionale si è riportato sui numeri di inizio 2013, ma resta due punti sotto il 2011. Il saldo 2013-2015 è positivo per 255mila unità (1,1 milioni di posti di lavoro creati e 845mila persi). I dati si riferiscono alle imprese che sono state sempre attive nel periodo considerato, che nel 32% dei casi hanno aumentato i posti di lavoro, nel 29,2% li hanno diminuiti, nel 38,8% non lo hanno modificati. Un dato rilevante riguarda le dimensioni: la maggior propensione all’incremento dei posti di lavoro è stata rilevata nelle PMI.

Fra i diversi contratti, oltre alla crescita dei posti a tempo indeterminato l’ISTAT rileva un boom del lavoro in somministrazione, +43,5% tra il primo trimestre 2013 e l’analogo periodo 2015. L’aumento dei posti di lavoro risulta strettamente legato alla produttività del lavoro, mentre l’età giovane è maggiormente premiante fra le micro-imprese, nella quali a una giovane età dell’imprenditore corrisponde una maggiore probabilità che siano aumentati i posti di lavoro fra il 2013 e il 2015. Altro dato: gli imprenditori stranieri dimostrano una maggior propensione ad aumentare l’occupazione dipendente, soprattutto se di nazionalità extra europea. 

Fonte: ISTAT

X
Se vuoi aggiornamenti su Competitività, le imprese chiedono sgravi

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy