Pensione precoci, penalizzati i gravosi

Il requisito contributivo per la pensione incamera cinque mesi in più dal primo gennaio 2019 per adeguamento alle aspettative di vita: chi vuole chiedere la pensione anticipata riservata ai precoci dovrà tenerne conto e far slittare di conseguenza la domanda INPS per la certificazione del diritto.

Alla fine del 2017 avrò 39 anni e 10 settimane di contributi versati. Essendo  un lavoratore precoce e svolgendo una mansione gravosa, subirò i 5 mesi di aspettativa di vita nel 2019? Quando dovrò inoltrare all’INPS la domanda per valutare se i miei requisiti sono idonei?

Domanda di:

I cinque mesi legati alle aspettative di vita scattano dal primo gennaio 2019, quindi credo dovrà conteggiarli per chiedere la pensione anticipata riservata ai precoci, che è regolamentata dalla legge 232/2016 (commi 199 e seguenti) e dalla circolare INPS 99/2017.

=> Quota 41: scatti pensione dal 2019

Solo se maturasse il requisito dei 41 anni di contributi entro il 31 dicembre 2018, potrebbe presentare domanda l’anno prossimo senza applicare lo scatto. Maturando invece il beneficio nel 2019 dovrà invece incamerare lo scatto di cinque mesi nel requisito contributivo, che sarà pari a 41 anni e cinque mesi.

La pensione anticipata precoci non è una misura sperimentale , come l’APe ma una norma strutturale, quindi lei potrà chiedere l’accesso nel 2019. Dovrà presentare la domanda entro il primo marzo 2019, anche se maturasse il requisito nei mesi successivi, purché entro il 31 dicembre 2019.

=> Pensione precoci dal 2019

Chi svolge lavori gravosi, grazie alla Legge di Bilancio 2018, non subirà lo scatto soltanto qualora facesse domanda ordinaria di pensione di vecchiaia o anticipata.

X
Se vuoi aggiornamenti su Pensione precoci, penalizzati i gravosi

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy