Supplemento pensione: decorrenza e rivalutazione

Regole di applicazione del supplemento di pensione per chi versa contributo da lavoro anche dopo la pensione: quando scatta la quota aggiuntiva e come si calcola.

Sono pensionato INPS da luglio 2010. Contemporaneamente al lavoro dipendente svolgevo (e svolgo tuttora) anche attività come autonomo, con relativi versamenti alla gestione separata. L’aggiornamento della pensione è da richiedere ogni due anni oppure ogni cinque?

Domanda di: Paolo V.

L’aggiornamento della pensione, che tecnicamente si chiama supplemento di pensione e spetta a coloro che continuano a versare contributi da lavoro anche dopo aver iniziato a percepire l’assegno previdenziale (è il suo caso), si chiede ogni cinque anni.

Esiste la possibilità, per una sola volta, di chiederlo anche dopo due anni dall’inizio della pensione oppure dall’ultimo supplemento, ma a a condizione che sia già stata compiuta l’età per la pensione di vecchiaia.

=>Supplemento di pensione: come funziona

Quindi, se lei ha 66 anni e sette mesi, può presentare domanda anche se sono passati solo due anni dall’ultimo supplemento, se non aveva ancora utilizzato lo strumento del termine biennale. In caso contrario, la richiesta va presentata ogni cinque anni.

=>Ricalcolo pensione e domanda di supplemento

Il calcolo della quota aggiuntiva di pensione viene effettuato con il metodo contributivo per i versamenti successivi al primo gennaio 2012, mentre per le mensilità precedenti si segue il metodo con il quale è stata calcolata la pensione (quindi, se lei aveva il retributivo, continuerà a vederselo applicare per le annualità 2011 e 2012, mentre quelle successive comunque saranno valorizzate con il sistema contributivo.

X
Se vuoi aggiornamenti su Supplemento pensione: decorrenza e rivalutazione

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy