Pensione sociale e sussidi compatibili

Da pensione di invalidità civile ad assegno sociale al raggiungimento del requisito anagrafico, cumulabile con l'indennità di accompagnamento.

Ho 56 anni, invalido dal 1998 al 100%, per aggravamento nel 2006 mi è stato riconosciuto l’accompagnamento con revisione ad agosto 2017. Ho circa 5 anni di contributi. A che tipo di pensione ho diritto? A 60 anni di quella sociale? Invalidità e accompagnamento resteranno? Cosa cambierà in termini economici?

Domanda di: Bruno C.

L’assegno sociale spetta al compimento dei 65 anni e 7 mesi di età nel 2017, mentre dal 2018 prossimo salirà a 66 anni e 7 mesi. Quindi, mi sembra che lei debba aspettare prima di maturarlo; nel frattempo continuerà a percepire l’attuale pensione di invalidità civile. Quando avrà il requisito anagrafico per l’assegno sociale, la pensione che lei attualmente percepisce si trasformerà in assegno sociale. Continuerà invece a percepire l’indennità di accompagnamento.

L’assegno sociale, prestazione che ha sostituito quella che fino al 1996 si chiamava pensione sociale, viene riconosciuto in misura piena (448,07 euro per 13 mensilità) a coloro che non hanno nessun altro reddito (non rileva l’indennità di accompagnamento) e in misura ridotta nel caso in cui invece ci siano altri redditi (che devono restare entro determinate soglie, ovvero 5.824,91 di reddito individuale oppure 11.649,82 euro nel caso di coniugi).

X
Se vuoi aggiornamenti su Pensione sociale e sussidi compatibili

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy