APe Volontaria: quanti anni di contributi servono

APe Volontaria: ecco quanti anni di contributi servono, anche nel pubblico impiego, per maturare il diritto all'anticipo pensionistico.

Mia moglie, nata il 14 gennaio 1954 con 30 anni di contributi versati (compresi 27 nella Scuola), non può andare in pensione con nessuna condizione utile nel rispetto della legge Fornero o APE.
Se si licenzia, in quale anno potrà richiedere la pensione? Quali differenze ci saranno tra trattamento di vecchiaia e di anzianità?

Domanda di: Roberto P.

In realtà, a me sembra che sua moglie abbia diritto all’APE volontaria. I requisiti sono:

  • almeno 63 anni di età,
  • 20 anni di contributi,
  • un assegno pari ad almeno 1,4 volte il minimi (700 euro lordi),
  • massimo 3 anni e sette mesi dalla pensione.

=> APe Volontaria, scaglioni e decorrenza

Essendo nata nel gennaio del ’54, matura la pensione di vecchiaia nel 2020 (mi pare in agosto, visto che il requisito 2020 per le dipendenti pubbliche sarà di 66 anni e 7 mesi). Direi quindi che, se la pensione da lei maturata è pari ad almeno 1,4 volte il minimo, gli altri requisiti ci sono tutti. Riferimento normativo: comma 166 e seguenti Legge di Stabilità 2017. L’APe sarà disponibile nel maggio. Per sicurezza chieda all’INPS.

Per quanto riguarda le altre domande:

  • il requisito per la pensione di vecchiaia per sua moglie sarà di 66 anni e 7 mesi, a cui bisogna aggiungere l’aspettativa di vita nel 2019;
  • per la pensione anticipata la strada è più lunga, nel 2020 ci vorranno almeno 41 anni e 10 mesi di contributi, più le aspettative di vita.

X
Se vuoi aggiornamenti su APe Volontaria: quanti anni di contributi servono

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy