APe Social autonomi: perché non possono fare domanda

APE social riservata ai lavoratori ex-dipendenti: le alternative per gli autonomi che vogliono andare in pensione anticipata.

Nel Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2017, approvato da Camera e Senato, all’art. 179 sono descritti i requisiti richiesti per l’accesso all’APe Social. Per i disoccupati: “si trovano in stato di disoccupazione a seguito di cessazione del rapporto di lavoro per licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale nell’ambito della procedura di cui all’articolo 7 della legge 15 luglio 1966, n. 604, hanno concluso integralmente la prestazione per la disoccupazione loro spettante da almeno tre mesi e sono in possesso di un’anzianità contributiva di almeno 30 anni;”

Sembrerebbe che siano ammessi i soli lavoratori ex dipendenti. Non mi è chiaro se rientrerebbero anche gli autonomi.
Compirò 64 anni nel 2017, sino al 2010 ho versato per più di 30 anni i contributi commercianti. Nel 2011 ho avuto una collaborazione di 11 mesi con contratto a progetto, non rinnovato. Dal 2014 sono iscritto elle liste di disoccupazione.

Domanda di: E.M.

In effetti, l’APE social è riservato ai lavoratori ex dipendenti.

 => APE sociale: ecco gli esclusi

Lei, come lavoratore autonomo, può accedere solo all’APe Volontario e solo se ne ha i requisiti: almeno 63 anni, 20 anni di contributi, meno di 3 anni e 7 mesi alla pensione di vecchiaia, una pensione pari almeno a 1,4 volte il minimo (circa 700 euro).

Barbara Weisz

X
Se vuoi aggiornamenti su APe Social autonomi: perché non possono fare domanda

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy