Contribuenti minimi e marginali: aderire conviene?

La Finanziaria 2008 introduce un nuovo regime naturale per i contribuenti minimi e marginali: si parla di "Forfettone"


Sicuramente la principale novità introdotta dalla Finanziaria 2008 è il nuovo sistema forfettario per i contribuenti minimi e marginali, definito il “Forfettone”.


C’è ancora molta incertezza nella esatta definizione dei parametri di convenienza ed opportunità di aderire a questo “strumento” che dovrebbe permettere, in maniera esemplificata, la liquidazione delle imposte dovute.


Ma cominciamo a stabilire con certezza quali siano i soggetti interessati. Possono beneficiare del nuovo disposto di legge le persone fisiche esercenti attività di impresa, arti e professioni che nell’anno solare precedente (quindi il 2007) rispondano ai seguenti requisiti:



  • abbiano conseguito ricavi o percepito compensi, ragguagliati all’anno, inferiori ad € 30.000;
  • non abbiano operato cessioni all’esportazione;
  • non abbiano sostenuto spese per lavoratori dipendenti e/o assimilati (sono da intendersi anche i contratti di collaborazione di cui all’art. 50 comma 1 lettere C e C-bis del D.P.R. 917/1986, quali ad esempio i contratti a progetto, le borse di studio o di assegno);
  • non abbiano effettuato, nel triennio precedente (2005-2007) acquisti di beni strumentali per un ammontare complessivo superiore ad € 15.000 (ove per triennio va inteso il periodo dei 3 anni antecedenti, ovvero il triennio è da intendersi come “mobile” cioè da verificare per ogni esercizio per il quale si opta per il “Forfettone”). Precisiamo, inoltre, che l’acquisto dell’auto non viene inteso come bene strumentale (cosa che, invece, viene considerata soltanto per particolari attività, quali ad esempio le autoscuole).



Restano, in ogni caso, esclusi ai fini dell’applicazione del regime dei contribuenti minimi e marginali:


  • le persone fisiche che si avvalgono dei regimi speciali ai fini dell’imposta sul valore aggiunto;
  • i soggetti che in via esclusiva o prevalente effettuano cessione di fabbricati o porzioni di essi, di terreni edificabili (art. 10, n. 8), del D.P.R. dell’IVA e di mezzi trasporto nuovi di cui all’art. 53 comma 1 D.Lgs. n.° 331 del 30/8/1993 e modifiche di cui alla Legge n.° 427 del 29/10/1993;
  • i soggetti che esercitano attività di impresa, arti e professioni in forma individuale che, contestualmente, partecipano a società di persone o associazioni di cui all’art. 5 del T.U. di cui al D.P.R. n.° 917 del 22/12/1986, ovvero a S.r.l. di cui all’art. 116 del medesimo T.U.;
  • i soggetti non residenti.

X
Se vuoi aggiornamenti su Contribuenti minimi e marginali: aderire conviene?

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy