Sgravi Agricoltura: istruzioni INPS

Le istruzioni INPS per la fruizione dell’esonero contributivo previsto per i coltivatori diretti (CD) e imprenditori agricoli professionali (IAP).

Con la circolare n. 85/2017 l’INPS ha fornito precisazioni normative e indicazioni operative per il godimento dell’esonero contributivo previsto per i coltivatori diretti (CD) e imprenditori agricoli professionali (IAP). Vengono chiariti in particolare:

  • i destinatari del beneficio;
  • la misura e durata dell’esonero;
  • le possibilità di cumulo con altri benefici;
  • i presupposti del beneficio;
  • il procedimento di ammissione al beneficio;
  • la fruizione dell’incentivo;
  • le istruzioni contabili.

=> Stabilità: esonero contributi giovani agricoltori 

Beneficiari

Possono fruire del beneficio i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali di età inferiore a 40 anni iscritti alla previdenza agricola nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2017 o che nell’anno 2016 abbiano effettuato l’iscrizione nella previdenza agricola con aziende situate nei territori montani e nelle zone agricole svantaggiate.

Tra i requisiti richiesti:

      • la regolarità prevista dall’articolo 1, commi 1175 e 1176, della legge 296/2006, inerente:
        • l’adempimento degli obblighi contributivi;
        • l’osservanza delle norme poste a tutela delle condizioni di lavoro;
        • il rispetto degli altri obblighi di legge;
        • il rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali, laddove sottoscritti, stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale;
      • il rispetto dei limiti previsti dai regolamenti (UE) n. 1407/2013 e n. 1408/2013 della Commissione, del 18 dicembre 2013, relativi all’applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti “de minimis” pari, per il settore della produzione primaria dei prodotti agricoli, a 15.000 euro.

=> Unica Partita IVA per il professionista IAP

Esonero contributivo

L’esonero contributivo è pari al 100% dell’accredito contributivo presso l’Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO) per un periodo massimo di 36 mesi. Decorso tale periodo, l’esonero è riconosciuto per massimo 12 mesi nel limite del 66% e per ulteriori 12 mesi nel limite del 50%.

Cumulabilità

L’esonero contributivo per CD ed IAP “non è cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente” (art. 1, comma 344, della legge 11 dicembre 2016 n. 232 ). Dunque nei casi di concorrenza di più esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente sarà applicata, in sede di tariffazione, l’agevolazione più favorevole per il contribuente.

Domande

La presentazione della domanda di ammissione al beneficio potrà essere effettuata accedendo, nell’ambito dei servizi telematici INPS, ovvero del Cassetto previdenziale per autonomi agricoli, alla sezione “Comunicazione bidirezionale” – “Invio comunicazione”, utilizzando i moduli ivi presenti.

L’esito attribuito all’istanza sarà visualizzabile all’interno del Cassetto Previdenziale per Autonomi Agricoli.

Fonte: INPS.

X
Se vuoi aggiornamenti su Sgravi Agricoltura: istruzioni INPS

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy