NASpI: compatibilità con attività di lavoro

Limiti di reddito e regole per sommare NASPI e attività di lavoro autonomo o subordinato: i casi previsti, il part-time, la riduzione del trattamento.

Ci sono una serie di casi in cui è possibile percepire l’indennità di disoccupazione NASpI e svolgere un’attività lavorativa, sia autonoma sia subordinata: la discriminante in genere è il reddito, ma ci sono una serie di regole diverse a seconda della tipologia di attività. Vediamo una breve guida alla compatibilità fra la NASpI e l’attività lavorativa.

=> Avvio impresa con la NASpI

Lavoro subordinato

Si può sommare alla NASpI se il reddito annuo è inferiore agli 8mila euro. Ci sono una serie di procedure da rispettare: bisogna comunicare all’INPS l’inizio del rapporto di lavoro entro un mese, indicando anche il reddito annuo previsto. Il datore di lavoro deve essere diverso da quello con il quale si è interrotto il rapporto che ha provocato la disoccupazione.

Attenzione: il trattamento (come in tutti gli altri casi) è ampiamente ridotto di un importo pari all’80% del reddito da lavoro. In caso di mancata comunicazione del reddito, si decade dal beneficio: se il contratto di lavoro è inferiore ai sei mesi, la NASPI viene sospesa per il periodo corrispondente, se invece il rapporto di lavoro è più lungo, si perde l’ammortizzatore sociale.

Se il reddito da lavoro è più alto scatta la decadenza dalla NASPI. Unica eccezione, un rapporto di lavoro subordinato a termine entro i sei mesi, caso in cui la NASPI è sospesa per il periodo corrispondente e poi riprende con trattamento pieno. Ecco in tabella tutte le casistiche appena descritte.

Rapporto
di lavoro
NASPI con reddito
inferiore a 8mila euro
NASPI con reddito
sopra 8mila euro
 Dipendente a tempo indeterminato o determinato con durata superiore ai sei mesi  Importo ridotto dell’80% del reddito  No
 Dipendente a tempo determinato con durata fino a sei mesi  Importo ridotto dell’80% del reddito  Sospeso per la durata del contratto
 Autonomo o parasubordinato  Importo ridotto dell’80% del reddito  No

 

Lavoro part-time

Se il lavoratore cessa da uno solo di due diversi rapporti di lavoro part-time, e ha un reddito inferiore a 8mila euro, può mantenere il lavoro part-time e chiedere la NASpI, che anche in questo caso sarà ridotta dell’80% del reddito. Devono essere rispettati tutti i requisiti di accesso alla NASpI, la domanda va presentata all’INPS, bisogna comunicare il reddito annuo previsto per la prestazione lavorativa in essere.

Lavoro autonomo

Un’attività autonoma può essere svolta da chi percepisce la NASpI se il reddito non supera i 4.800 euro, che diventano 8mila nel caso del lavoro parasubordinato.

Bisogna informare l’INPS dell’inizio della nuova attività entro un mese. Obbligatoria autodichiarazione sul reddito ricavato dall’attività lavorativa entro il 31 marzo dell’anno successivo alla percezione della prestazione. La NASPI sarà ridotta dell’80% del reddito previsto.

Se il lavoratore in disoccupazione svolge diverse attività, l’INPS dovrà verificare il reddito complessivo, riducendo poi di conseguenza il trattamento.

X
Se vuoi aggiornamenti su NASpI: compatibilità con attività di lavoro

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy