Fotovoltaico e impianti per le Rinnovabili: regole e scadenze 2012

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Nelle fonti rinnovabili la risposta alla crisi economica: i risultati del 2011 e le nuove regole in vigore dal 2012, con le scadenze.

Nonostante la crisi economica le fonti rinnovabili segnano ottimi risultati e continuano nella loro diffusione sul territorio nazionale. Sono 318.747 gli impianti in esercizio, con 12.463 GW di potenza installata e un costo annuo dei quattro conti energia di circa 5,44 miliardi di euro.

In particolare nel corso dello scorso 2011 sono entrati in esercizio 56.000 impianti che sfruttano l’energia prodotta da fonti rinnovabili, con con potenza complessiva di 3.700 MW e costi complessivi di 6 miliardi di euro.

Nuovi prezzi minimi

Il 2012 rappresenta quindi un anno decisivo, che tuttavia dal primo gennaio ha portato nuovi e ridotti prezzi minimi garantiti per gli impianti rinnovabili non programmabili o con potenza sotto 1 mW, come rimodulati dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas con delibera del 28 luglio 2011 ARG/elt n. 103/11.

Conto Energia Fotovoltaico

Inoltre, a partire dal prossimo 29 marzo 2012 decorrono le limitazioni all’accesso agli incentivi del Conto Energia fotovoltaico per gli impianti maggiori di 1mW in zona agricola.

Il primo luglio 2012, invece, partono i nuovi requisiti per l’ammissione al Conto Energia fotovoltaico in relazione alla produzione dei moduli, quali l’adesione a un consorzio di riciclo, il certificato di ispezione di fabbrica e criteri Iso.

Infine gli aspetti tecnologici, come la scadenza del 29 marzo 2012 per l’obbligo di garanzia decennale dei moduli e la scadenza del 30 giugno per il periodo transitorio per il calcolo semplificato delle voci di costo per l’aumento del 10% delle tariffe incentivanti del Conto Energia per il Fotovoltaico.

Rinnovabili contro la crisi

Nonostante il quadro delle scadenze, non proprio incoraggianti, gli esperti del settore scommettono in un altro anno di successo per le fonti rinnovabili, in contrasto con la crisi economica, con un consolidamento sostanziale nel mercato, una forte attività di acquisizione di impianti già in esercizio e nuovi progetti per grandissimi impianti.