Internazionalizzazione in Toscana

Al via il bando per favorire l’ internazionalizzazione delle micro e PMI toscane.

Dal 7 giugno al 7 agosto è possibile inviare le domande per accedere al bando promosso dalla Regione Toscana per favorire l’internazionalizzazione delle imprese: in particolare, secondo quanto previsto dalla linea d’azione 3.4.2 del Por Fesr 2014-2020, gli incentivi sono destinati alle PMI, alle micro imprese e ai liberi professionisti attivi nel settore manifatturiero e nel comparto turistico.

=> Toscana: guida agli incentivi

«Degli 8,5 milioni di euro a disposizione – afferma l’assessore regionale alle attività produttive Stefano Ciuoffo – 7,5 sono destinati alle PMI del settore manifatturiero e 1 milione a quelle del settore turistico. Merita sottolineare che questo è il primo bando al quale possono accedere anche i liberi professionisti. Dobbiamo, con i mezzi e le risorse a disposizione, cercare di stimolare il sistema produttivo toscano ad aprirsi sempre di più verso i mercati globali e a presentarsi in questo contesto con le carte in regola per competere ad armi pari.»

Contributi

Gli incentivi variano a seconda del soggetto richiedente: per le micro, piccole e medie imprese è concesso un contributo che varia da un minimo di 10mila, 12mila 500 e 20 mila euro a un massimo di 150mila euro. I consorzi, società consortili e reti-soggetto, invece, possono ottenere da 35mila a 400mila euro.

Sono previsti contributi a fondo perduto fino al 50 per cento dell’investimento previsto dal progetto di internazionalizzazione. Le domande possono essere presentate online attraverso il sito di Sviluppo Toscana.

=> Leggi tutte le news per le PMI della Toscana

X
Se vuoi aggiornamenti su Internazionalizzazione in Toscana

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy