Portale Rating per le imprese, guida e modello

Al via il Portale Rating, attraverso il quale le imprese possono effettuare simulazioni ed inserire i dati per la richiesta di ammissione al Fondo.

Il rating di legalità per le imprese, introdotto dall’art. 5-ter, co. 1, DL 24 gennaio 2012, n. 1, conv. con modif. dalla Legge 27/2012, ha l’obiettivo di contrastare le intromissioni della criminalità, favorendo i principi etici nell’azione imprenditoriale. A regolamentare l’attribuzione del rating di legalità alle imprese è stato il DM 57/2014 prevedendo che sia l’AGCM ad attribuirlo (una, due o tre stelle), su richiesta, alle aziende con fatturato minimo di 2 mln di euro iscritte al Registro Imprese da almeno due anni, valutando le domande anche in base alla forma giuridica, il regime di contabilità ed il settore economico.

=> Rating legalità imprese in visura camerale

Ora, con il Portale Rating per le imprese – accessibile anche con le credenziali per il Portale Microcredito, se possedute – tutti gli operatori interessati al Fondo di garanzia diversi da banche, confidi e intermediari abilitati alla presentazione delle richieste di ammissione, possono:

  • effettuare simulazioni per verificare l’ammissibilità di un’impresa sulla base del modello di rating del Fondo;
  • inserire i dati di uno o più bilanci di un’impresa che possono successivamente essere utilizzati da banche, confidi e intermediari durante la compilazione di una richiesta di ammissione al Fondo.

Per il momento il modello di rating, in vigore dal 14 giugno 2017 (decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 7 dicembre 2016 che è andato a modificare la lettera M della parte VI delle Disposizioni operative per l’accesso al Fondo di Garanzia), può essere utilizzato solo per verificare l’ammissibilità delle imprese alle “Operazioni Nuova Sabatini” ma presto potrà essere adottato per la valutazione di tutte le richieste di ammissione per le quali sia prevista la valutazione dei dati contabili degli ultimi due esercizi.

=> Sabatini Ter, nuovo modello rating

Il modello di rating contiene infatti, in tre sotto-moduli distinti, informazioni sulle imprese in relazione:

  • alla situazione economico-finanziaria, nel modulo è necessario inserire:
    • per i soggetti beneficiari finali che adottano il regime di contabilità ordinaria, i dati degli ultimi due bilanci approvati o quelli dei prospetti contabili sulla base dei quali sono state redatte le ultime due dichiarazioni fiscali;
    • per i soggetti beneficiari finali che adottano il regime di contabilità semplificata, i dati delle ultime due dichiarazioni fiscali;
  • alla situazione andamentale, nel modulo vanno inseriti:
    • i dati di accordato e utilizzato del soggetto beneficiario finale, con riferimento agli ultimi sei mesi dei rischi a scadenza e dell’esposizione per cassa, forniti dalla Centrale dei Rischi, qualora presenti;
    • i dati relativi ai contratti rateali, non rateali e carte del soggetto beneficiario finale forniti da uno o più Credit Bureau, qualora gli stessi siano utilizzati dal soggetto richiedente per la propria valutazione del merito di credito
  • alla presenza di eventi pregiudizievoli.

Fonte: FondiDiGaranzia.it.

X
Se vuoi aggiornamenti su Portale Rating per le imprese, guida e modello

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy