Spending Review

La Spending Review è il complesso di norme, decreti e misure poste in essere dal Governo Monti per razionalizzare la spesa della Pubblica Amministrazione. Tra le principali novità introdotte spicca la riorganizzazione delle Province, che dovrebbe portare ad una diminuzione, conseguente ad accorpamenti di due enti in uno, e i tagli ai costi della politica.
Sempre riguardo la Pubblica Amministrazione sono previste diverse forme di indennità e prepensionamento relative agli esuberi, inoltre diversi Enti saranno accorpati e fusi ad altri, come già accaduto con l’INPS e gli altri Enti Previdenziali.

Segui tutti gli aggiornamenti e le novità sull’attuazione della Spending Review su PMI.it.

Padoan alla UE: niente manovra bis

Padoan Niente manovra bis, l'Italia farà ulteriori sforzi per aggiustare i conti pubblici inserendoli nel DEF di aprile, alcune misure potranno arrivare anche prima: per un quarto saranno tagli di spesa, per il resto maggiori entrate. I tagli saranno operati tramite riordino di agevolazioni fiscali, aumento accise, interventi IVA  (es.: reverse charge) ma senza aumento aliquote. Quanto alle maggiori entrate, si punta sulla lotta all'evasione, e sono queste le misure che il governo potrebbe decidere prima del Def. Così il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, risponde alla...

Stipendio parlamentari: proposta tagli rinviata

Lavori in Parlamento Dibattito sempre più acceso sulla proposta del M5S di taglio allo stipendio parlamentari, dopo che la Camera dei Deputati ha rinviato il testo in commissione Affari costituzionali. Si tratta del disegno di legge che prevede il dimezzamento dello stipendio dei parlamentari, che scenderebbe a 5mila euro al mese lordi (2mila 500 netti), regole più stringenti per la diaria (attualmente, 3mila 500 euro) per le spese di soggiorno a Roma, da limitare ai soli deputati e senatori che vivono lontano dalla Capitale, e per i rimborsi (2mila 500 euro), non più concessi automaticamente ma...

Governo Renzi bocciato sulla Spending Review

Matteo Renzi Botta e risposta fra Corte dei Conti, che definisce le misure di spending review del Governo un «parziale insuccesso», e ministero dell'Economia, che rivendica 25 miliardi di risparmi in due anni, che hanno consentito investimenti a sostegno della crescita. Le critiche della magistratura contabile sono contenute nel discorso del presidente, Raffaele Squitieri, all'inaugurazione dell'anno giudiziario 2016 della Corte dei Conti, il 18 febbraio. Dopo che negli anni della crisi economica «la dinamica della spesa pubblica in Italia ha subito una netta decelerazione», la Corte rileva...

Legge di Stabilità: tagli fiscali e spending review

Tasse Fra gli obiettivi della delega di Riforma Fiscale (legge 160/2015) il riordino delle agevolazioni sembra essere stato dimenticato dalla Legge di Stabilità: la manovra 2016, lungi dal ridurre le misure, ne aggiunge di nuove, portando a quota 296 le cosiddette tax expenditures. Il Governo presenterà i numeri ufficiali con la nota di aggiornamento al DEF 2016, il Documento di Economia e Finanza, ma intanto i tecnici di Camera e del Senato hanno fatto i conti in tasca alla Legge di Stabilità. => Agevolazioni fiscali: riordino ogni cinque anni Sale la spesa per i tagli...

Stabilità 2016: numeri, impegni, risorse

legge di stabilità La Legge di Stabilità 2016 contiene misure per 26,5 miliardi di euro, che potrebbero salire a 29,6 mld se l'Europa concede ulteriori margini di flessibilità sui conti: la voce più costosa è rappresentata dalla sterlizzazione per tutto il 2016 delle clausole di salvaguardia, 16,8 miliardi di euro, che servono a evitare l'aumento IVA, seguita dall'abolizione della TASI sulla prima casa. Il punto più controverso è probabilmente rappresentato dai 5,8 miliardi di spending review, una cifra dimezzata rispetto alle attese. Analizziamo nel dettaglio i numeri della manovra 2016. => Tutte...

I punti critici della Manovra 2016: reazioni

legge stabilità Critiche dai sindacati, dibattito acceso sul fronte politico, apprezzamento dagli imprenditori: sono le prime reazioni alla manovra economica 2016 che, presentata dal Governo, inizia ora il cammino parlamentare. La posizione più critica sulla Manovra 2016 approvata dal Governo il 15 ottobre è della Cgil, che per esprimerla utilizza il linguaggio del premier, trasformando in "quattro segni meno" gli altrettanti segni positivi dell'Italia con il segno più, slogan con cui il governo ha presentato la Legge di Stabilità. In sintesi: meno libertà per i lavoratori, meno lotta all'evasione,...

DEF 2015, spending review e taglio tasse

DEF nota Avanti con la spending review (risparmi per 10 miliardi), taglio delle tasse (IMU, TASI), utilizzo dei margini di flessibilità fiscale previsti dall'Europa per sostenere investimenti e crescita, PIL italiano visto in crescita dello 0,9% nel 2015 e dell'1,6% nel 2016 (qualche decimo in più rispetto alle previsioni dell'aprile scorso): sono i punti chiave della nota di aggiornamento al DEF 2015 (Documento di Economia e Finanza) presentata dal Governo nel Consiglio dei Ministri del 18 settembre. => DEF 2015: i punti caldi Conti pubblici Nel DEF 2015 l'obiettivo di deficit 2016...

Taglio tasse tramite Spending Review

padoan Primo: sul taglio tasse annunciato da Matteo Renzi non c'è disaccordo. Secondo: per essere credibile, il programma deve basarsi su misure di spending review, ossia su risparmi di spesa. Terzo: non ci sono controindicazioni al piano di contrasto all'evasione fiscale, anzi le due strade sono complementari. E' la posizione del ministero dell'Economia Pier Carlo Padoan sul piano per il taglio delle tasse (50 miliardi in 5 anni) annunciato dal Premier, espressa nel suo intervento al convegno di Confcommercio intitolato "Meno tasse, meno spesa, binomio della ripresa". => Taglio tasse,...

DEF: dai colloqui con il Fisco al taglio incentivi

def 2015 La compliance fiscale - anche con le novità introdotte dalla Legge di Stabilità in materia di colloqui con il Fisco - vale circa 1,6 miliardi in due anni secondo le stime del DEF, Documento di Economia e Finanza approvato dal Governo il 10 aprile. In pratica, grazie all'invio delle comunicazioni ai contribuenti da parte dell'Amministrazione finanziaria con i dati in suo possesso (anche da Spesometro, ISEE e Dichiarazioni IVA), si produrrà un circolo virtuoso che stimolerà gli adempimenti fiscali volontari portando nelle casse dello Stato 1 miliardo e 600 milioni. L'impatto maggiore...

DEF 2015: i tagli da Spending Review

cdm renzi I tagli da spending review sono il fattore principale previsto dal DEF 2015, il documento di programmazione economica e finanziaria, per evitare l'aumento IVA dal 2016: si tratta di circa 10 miliardi di risparmi, che insieme ai risparmi sugli interessi dei titoli di stato (grazie al basso spread) e ai maggiori incassi del fisco dovranno contribuire a eliminare le clausole di salvaguardia IVA da 16,8 miliardi della Legge di Stabilità. => DEF 2015: addio clausola di aumento IVA In parole semplici, la manovra per il 2015 prevedeva, nel caso di mancato raggiungimento di un...

X
Se vuoi aggiornamenti su Spending Review

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy