Scudo Fiscale

Controlli fiscali sui conti svizzeri

svizzera Il Fisco italiano chiederà alle autorità svizzera le informazioni sui capitali detenuti nel paese elvetico da parte dei cosiddetti "contribuenti recalcitranti", ovvero considerati a rischio evasione, che non hanno aderito alla voluntary disclosure: lo prevede l'accordo Italia Svizzera in vigore dal 2 marzo scorso, che rende operativo lo scambio di informazioni a fini fiscali in base a richieste di gruppo, che quindi riguardano un ampio numero di contribuenti. Nel dettaglio, si possono richiedere informazioni su operazioni realizzate a partire dal 23 febbraio 2015, e fino al 31 dicembre...

Scudo fiscale per società commerciali

Scudo fiscale Lo scudo fiscale si applica anche alle società commerciali, se è l'amministratore o il dominus dell'azienda a richiedere e perfezionare la procedura di emersione. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, terza sezione penale, con la sentenza n. 28775/2015, precisando che a tal fine risultano irrilevanti i limiti imposti dall'Agenzia delle Entrate con la circolare 43/E/2009. => Voluntary Disclosure, in vigore la semi-sanatoria Caso Il caso in esame riguardava il ricorso presentato da un imprenditore di Ancona contro la sentenza con la quale il tribunale del riesame aveva ritenuto...

Voluntary Disclosure, in vigore la semi-sanatoria

Voluntary Disclosure Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 292/2014 la legge n. 186/2014 sul voluntary disclosure, la nuova norma sulla collaborazione volontaria per rimpatrio ed emersione dei capitali, anche detenuti in Italia ma non dichiarati, usufruendo di una eventuale sanatoria penale e di uno sgravio sulle sanzioni. A poter essere sanate con tale procedura sono le violazioni commesse fino al 30 settembre 2014. L'obiettivo è chiaramente quello di contrastare l’evasione fiscale, incentivando da un lato l’emersione di capitali non dichiarati e prevedendo dall’altro il nuovo reato di...

Condoni: ecco il modello per la voluntary disclosure

Evasione fiscale Alla velocità della luce l'Agenzia delle Entrate pubblica la bozza del modello per l'adesione alla voluntary disclosure, la collaborazione volontaria per rimpatriare capitali dall'estero o far emergere quelli detenuti in Italia ma non dichiarati, usufruendo di un eventuale condono penale e di uno sgravio fiscale sulle sanzioni (si pagano imposte e interessi pieni). Il modello richiede di identificare le attività illecite e le somme occultate, la loro provenienza, le tasse evase (IRPEF, addizionali, IRAP, IVA), i dati fiscali del contribuente, l'indicazione del professionista...

Emersione capitali e autoriciclaggio: legge e condono

Evasione fiscale La voluntary disclosure - la nuova legge sulla emersione di capitali detenuti illecitamente all'estero o comunque occultati al Fisco, approvata in via definitiva dal Senato - non è un condono fiscale perché comporta il pagamento pieno delle imposte dovute e dei relativi interessi, ma comporta l'applicazione di sconti sulle sanzioni. Il provvedimento sulla "collaborazione volontaria" è volto a contrastare l'evasione fiscale e la lotta alla criminalità organizzata, colpendo le pratiche di occultamento dei capitali che derivano da attività illecite e introducendo...

Condono fiscale: sanatoria sui capitali all’estero

Condono fiscale Polemica sulla proposta di sanatoria fiscale volto a favorire il rientro dei capitali detenuti illegalmente all'estero (voluntary disclosure). Il testo della norma in discussione in commissione Finanze alla Camera prevede infatti una sorta di scudo fiscale molto più soft rispetto a quello previsto nei mesi scorsi dal Dl 4/2014 (da cui poi la voluntary disclosure è stata stralciata): in sintesi, si prevede la cancellazione o riduzione delle sanzioni per chi rimpatria capitali e l'eliminazione delle eventuali misure penali. => La prima bozza di voluntary disclosure C'è anche una...

Decreto Fiscale: stop scudo fiscale, salve detrazioni 19%

Finanziamenti Con l'approvazione definitiva al Senato il 27 marzo del Dl 4/2014 recante proroghe e misure in materia fiscale, tributaria e contributiva, entrano in vigore numerose novità per i contribuenti. Sanatoria fiscale Per prima cosa, niente più emersione di capitali e investimenti all'estero non dichiarati: la voluntary disclosure prevista dall'articolo 1 è stata soppressa in sede di conversione in legge del decreto. D'ora in poi non sarà più possibile far emergere questi capitali con sanzioni ridotte, ma vengono salvaguardati coloro che hanno già utilizzato questo scudo fiscale («fatti...

Attività estere, come aderire allo scudo fiscale

Scudo fiscale È disponibile online il modello ad hoc per la “voluntary disclosure”, l'istituto previsto dall’art. 1 del D.L. 28.1.2014 n. 4 come forma di sanatoria, ovvero la collaborazione volontaria finalizzata alla regolarizzazione delle attività finanziarie e degli investimenti detenuti illecitamente all’estero. L'Agenzia delle Entrate ha ora reso disponibili sul proprio sito la bozza della richiesta di adesione allo scudo fiscale e le due schede (“richiedente=R”, relativa ai dati del richiedente, e “attività=A”, relativa alle attività estere rilevanti, da comunicare...

Sanatoria sui capitali all’estero: istruzioni in Gazzetta

Emersione capitali esteri In Gazzetta Ufficiale il DL 4/2014 con cui il Governo avvia la voluntary disclosure sui capitali all'estero (emersione e rientro): la sanatoria consente la regolarizzazione con sanzioni ridotte e senza conseguenze penali. L'emersione volontaria è una sorta di scudo fiscale (ma senza sconti sull'imposta), accessibile a persone fisiche (anche titolari di reddito di impresa o lavoro autonomo), enti non commerciali e società semplici. Procedura da avviarsi entro il 30 settembre 2015 e per una sola volta (se si decide di collaborare, bisogna dichiarare tutto e subito). La sanatoria Il...

Detrazioni, tributi e privatizzazioni: i decreti in CdM

I decreti approvati dal Cdm del 24 gennaio Nel Consiglio dei Ministri del 24 gennaio sono confluiti temi caldi per cittadini e imprese, a partire dal provvedimento approvato del Governo per evitare il taglio lineare delle detrazioni fiscali IRPEF dopo il 31 gennaio ed il rinvio di adempimenti tributari e contributivi (INAIL per le aziende). Protagonista del dcreto omnibus, tuttavia è il nuovo meccanismo per il rientro dei capitali all'estero, nonché l'avvio di nuove privatizzazioni, relative a quote di ENAV e Poste Italiane. Detrazioni IRPEF L'Esecutivo ha dunque approvato un maxi-decreto legge che, tra le altre misure,...

X
Se vuoi aggiornamenti su Scudo Fiscale

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy