Ristrutturazione Debito

Legge Fallimentare: tutele per debitori e creditori

Legge Fallimentare Con il perdurare della crisi e il difficile accesso al credito, per le imprese si manifesta sempre più spesso il ricorso alla Legge Fallimentare (R.D. 16 marzo 1942, n. 267, modificato dal DLgs. 5/2006 e DLgs. 169/2007), che quest'anno subirà un restyling significativo in virtù di una riforma che parte da un Ddl del Governo approvato da pochi giorni in CdM. Il ricorso a questa disciplina è frequente e cruciale, in quanto aiuta a gestire i creditori in caso di insolvenza e a contenere i danni avviando un piano di ristrutturazione del debito o di risanamento...

Crisi aziendale: risanamento, cessione e fallimento

Complessità aziendali Come deve comportarsi un’imprenditore davanti ad una crisi d'azienda: andare avanti cercando di porre rimedio alle difficoltà o pensare alla cessazione delle attività? Il Legislatore ha previsto una serie di strumenti utili per gestire la crisi aziendale: meccanismo negoziale per i soggetti non fallibili (per l’estinzione delle obbligazioni, introdotto dalla L. 27 gennaio 2012, n. 3 e modificato dal decreto sviluppo bis, L. 18 ottobre 2012, n. 179); legge fallimentare da pochi anni rivista (D.L. 22 giugno 2012, n. 83 conv. con modif. dalla L. 7 agosto 2012, n. 134). => Come...

Ristrutturazione del debito: il piano di risanamento delle PMI

Debiti In caso di crisi aziendale con rischio di fallimento, avere già redatto un piano di risanamento assicura la solvibilità di impegni come atti, pagamenti, garanzie e contratti in esecuzione. La Legge Lallimentare (R.D. 16 marzo 1942, n. 267), all’art. 67, co. 3, lett. d) esclude infatti dall’azione revocatoria tutti gli atti, pagamenti e garanzie concessi su un bene del debitore sulla base di un piano volto al riequilibrio della situazione finanziaria dell’azienda, che però deve essere attestato da un professionista con i requisiti di legge, che dovrà certificare la capacità di...

Risanare le imprese in difficoltà: dal piano industriale al turnaround

Crisi aziendale Il turnaround, piano di risanamento aziendale in caso di difficoltà, fa riferimento ad una disciplina economica importata in Italia dagli Stati Uniti. Si tratta, in pratica, di una ristrutturazione aziendale che avviene in due fasi: si determinano le cause che hanno portato alla crisi; poi si individuano le strategie per recuperare la redditività aziendale. Vediamo le procedure da seguire se la propria impresa entra in crisi, nonché il percorso utile a individuare le soluzioni per ripristinare gli equilibri economici e finanziari ricreando i presupposti per la continuità...

Ristrutturazione debito: esenzione dal contributo alla mobilità

Accordo di ristrutturazione del debito ed esenzione dal versamento del contributo di ingresso mobilità Il Ministero del Lavoro ha fornito chiarimenti in merito al versamento del contributo d’ingresso alla mobilità da parte di imprese che abbiano stipulato un accordo di ristrutturazione del debito, ai sensi dell’art. 182 bis , R.D. n. 267/1942 (Legge Fallimentare) e successive modificazioni, rispondendo all'Interpello avanzato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro. Esenzione dal contributo Il Ministero ha quindi fornito la corretta interpretazione dell'art. 3 , comma 3, L. n. 223/1991: l’esenzione dal versamento del contributo d’ingresso dovuto per...

Dl Sviluppo: finanziamenti alle imprese in crisi

Finanziamenti Il decreto Sviluppo (D.L. n. 83/2012) ha introdotto importanti novità per quanto riguarda il diritto fallimentare e i finanziamenti erogati a imprese in procedure di concordato preventivo e di accordi di ristrutturazione del debito con l'obiettivo di dare liquidità alle aziende in crisi. La ratio della norma è regolamentare i finanziamenti ottenuti attraverso richieste precedenti e successivi all’ammissione al concordato o alla stipula dell’accordo di ristrutturazione, ma liquidati successivamente e necessari a evitare il fallimento dell’azienda. => Leggi le novità del...

Online il 730/2013 con detrazione 50% e nuova IMU

Certificazione energetica Pronta la bozza del modello 730/2013 nel quale trovano posto anche la detrazione IRPEF del 50% per le spese di ristrutturazione edilizia e le novità in tema di IMU. Scarica modello 730/2013 e istruzioni Ristrutturazioni edilizie Per quanto riguarda il bonus ristrutturazioni, si tratta delle novità introdotte dal DL 83/2012 (Decreto Sviluppo 2012) che ha innalzato la detrazione IRPEF dal 36% al 50%. La percentuale sale al 55% in caso di ristrutturazioni volte al risparmio energetico. Modificato anche il tetto massimo di spesa da poter portare in detrazione: 96 mila euro per...

Ddl sovraindebitamento per Pmi, imprenditori e consumatori in crisi

Sovraindebitamento Approvato in Consiglio dei Ministri un nuovo disegno di legge che estende i vantaggi del concordato per la ristrutturazione dei debiti - già previsto dalla legge 27 gennaio 2012, n. 3 sul sovraindebitamento per Pmi e imprenditori in crisi, che non sono in grado di onorare i propri debiti verso i creditori - anche ai consumatori. Per sovraindebitamento, lo ricordiamo, si intende «una situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio prontamente liquidabile per farvi fronte, nonché la definitiva incapacità del debitore di adempiere regolarmente le...

Aiuti di Stato: Fondo di salvataggio per medie imprese

Abbiamo spesso evidenziato il ruolo delle microimprese come quale volano dell'economia italiana ed europea). Ciò nonostante, non dobbiamo dimenticare il contributo fondamentale in termini di apporto al Prodotto interno lordo (PIL) e occupazione fornito dalle medie aziende, alle quali spesso si devono i successi del Made in Italy all'estero. Tuttavia, anche per loro, come per aziende di dimensione minore, la crisi finanziaria si è tramutata in gravi perdite di fatturato, di esportazioni e capacità di realizzare investimenti, con una inevitabile ricaduta sulla dimensione occupazionale....

X
Se vuoi aggiornamenti su ristrutturazione debito

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy