Ripresa Economica

Nel 2017 meno tasse e più lavoro

Lavoro Quello appena iniziato si preanuncia un anno caratterizzato da una riduzione delle tasse, soprattutto grazie alla riduzione dell'IRES, e da un aumento dei posti di lavoro, anche se difficilmente si arriverà ai livelli pre-crisi (2007) prima del 2024. Sono le stime elaborate dall’Ufficio studi della CGIA Mestre che prevede in particolare una pressione fiscale destinata a scendere al 42,3% (-0,3%), un aumento del PIL di un punto percentuale e del numero di occupati di 112.000 (i disoccupati dovrebbero scendere di conseguenza a 84.000 persone). => Annunci di Lavoro: tutte le...

CGIA: Italia in deflazione

Deflazione Italia Altro che ripresa economica, secondo le ultime analisi dell’Ufficio Studi della CGIA Mestre l'Italia è in deflazione come nel 1959: nel 2016 i prezzi al consumo per i cittadini italiani sono mediamente diminuiti dello 0,1%, come non avveniva da ben 57 anni. L'analisi della CGIA ha monitorato la variazione media dei prezzi di 200 voci di prodotto nei primi 11 mesi del 2016 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Prodotti in deflazione A diminuire sono stati soprattutto i prezzi legati ai prodotti soppiantati da altri con tecnologie più evolute: computer fissi (-11,5%),...

Imprese del Commercio: i numeri della ripresa

Ripresa economica Alcuni dati della Confcommercio sembrano segnalare una lieve ripresa nel 2015, in decisa controtendenza con le stime previste per questo periodo. In particolare sono due gli aspetti sicuramente da evidenziare: il primo è diffuso dall'Ufficio Studi di Confcommercio e riguarda un trend positivo nella natalità delle imprese nel commercio, mentre il secondo deriva dall'Outlook 2015 Confcommercio-Censis, che evidenzia come per la prima volta dall’inizio della crisi economica, le famiglie che hanno aumentato la propria capacità di spesa sono più numerose di quelle che l’hanno...

Export Made in Italy: nuovi segnali di ripresa

Made in Italy Export in aumento in Italia insieme agli ordinativi dell'industria, ad indicare un'economia in ripartenza: lo rivelano i dati diffusi dall'ISTAT ed analizzati da Avvenia, uno dei maggiori player dell'efficienza energetica e della sostenibilità ambientale nel nostro Paese. Le esportazioni del Made in Italy sono cresciuti del +7% nei primi 9 mesi del 2015, gli ordinativi dell'industria del +10%, per i prodotti energetici la crescita sono state registrate punte addirittura del +39%. => Temporary Export Manager: record di voucher Segni positivi che vedono coinvolte tutte le regioni del...

DEF 2015, spending review e taglio tasse

DEF nota Avanti con la spending review (risparmi per 10 miliardi), taglio delle tasse (IMU, TASI), utilizzo dei margini di flessibilità fiscale previsti dall'Europa per sostenere investimenti e crescita, PIL italiano visto in crescita dello 0,9% nel 2015 e dell'1,6% nel 2016 (qualche decimo in più rispetto alle previsioni dell'aprile scorso): sono i punti chiave della nota di aggiornamento al DEF 2015 (Documento di Economia e Finanza) presentata dal Governo nel Consiglio dei Ministri del 18 settembre. => DEF 2015: i punti caldi Conti pubblici Nel DEF 2015 l'obiettivo di deficit 2016...

Imprese e Competitività: il Rapporto Obi 2015

Competitività Il Rapporto “Impresa e Competitività 2015” dell’Obi, l’Osservatorio regionale banche-imprese di economia e finanza, rivela come la situazione in Italia sia ancora caratterizzata da una certa instabilità finanziaria da parte delle aziende: per i fatturati si prevede un calo del -2,6%, per l'occupazione del -1%. La nota positiva riguarda la fiducia delle imprese, che si dimostrano più ottimiste, seppur con una minore propensione ad investire. L'indagine ha preso in esame un campione rappresentato per l'83% da imprese italiane operanti nei settori manifatturiero, ICT, delle...

Occupazione, consumi e PIL in ripresa

Ripresa economica Tutte in miglioramento le rilevazioni ISTAT nel secondo trimestre 2015: riviste al rialzo le stime sul PIL, positiva la situazione sul fronte lavoro, in flessione la disoccupazione, in aumento i consumi. PIL Nel dettaglio, il PIL è cresciuto del +0,3% rispetto al trimestre precedente e del +0,7% rispetto al secondo trimestre 2014, la stima preliminare diffusa ad agosto prevedeva invece una crescita congiunturale del +0,2% e tendenziale del +0,5%. => Italia fuori dalla crisi: PIL +0,3% Occupazione La stima dei disoccupati è diminuita del -4,4%, pari a -143 mila unità su base...

Ripresa, Cerved: imprese italiane più solide

Crescita Migliorano la redditività e i margini delle imprese italiane, ma la differenza rispetto ai livelli pre-crisi è ancora importante: il rapporto tra l'utile d'esercizio e il patrimonio netto è stato del 6,5%, in crescita del +5,7% rispetto al 2013, ma decisamente più basso rispetto al 10,4% del 2007. I dati, riferiti al 2014, sono stati elaborati da Cerved su 133 mila bilanci depositati entro giugno 2015. => Costruzioni e Industria: fallimenti in calo Nel 2014 le società italiane sono riuscite a migliorare la propria redditività e gli indici di sostenibilità finanziaria, ma...

Costruzioni e Industria: fallimenti in calo

Screen Shot 2015-06-10 at 23.02.04 Fallimenti in calo per le imprese italiane, per la prima volta dopo 30 mesi, ovvero dal secondo trimestre del 2012. È quanto emerge dal rapporto trimestrale del Cerved: nei primi tre mesi del 2015 sono state 3.800 le imprese che hanno aperto una procedura fallimentare, pari al -2,8% rispetto al primo trimestre 2014. A chiudere i battenti nel primo trimestre 2015 sono state in totale 21 mila imprese, considerando quelle che hanno avviato procedure concorsuali non fallimentari e liquidazioni volontarie (16,5 mila, -2,9%). Un dato in calo del -3,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno...

Ripresa economica: le imprese tornano ad assumere

Ripresa economica Dopo i primi segnali di ripresa economica, emersi con il ritorno del segno “+” davanti all'andamento del PIL, arrivano anche le stime positive relative alle prospettive di assunzioni da parte delle imprese nel corso del 2015. Nel primo trimestre dell'anno il numero di imprese pronte ad effettuare nuove assunzioni è aumento di 5mila unità, rispetto allo stesso periodo di un anno prima. A rilevarlo sono le previsioni di assunzione del settore privato, monitorate dal Sistema informativo Excelsior di Unioncamere e Ministero del Lavoro. => Italia fuori dalla crisi: PIL +0,3% Le...

X
Se vuoi aggiornamenti su ripresa economica

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy