Licenziamenti

Velo sul lavoro, quando è lecito il divieto

Velo Il divieto dell'azienda di indossare il velo islamico durante le ore di lavoro è legittimo se il regolamento interno proibisce ai dipendenti di identificarsi attraverso simboli religiosi, politici, filosofici o di altro genere. Invece, è inammissibile in altri casi, ad esempio su richiesta di un cliente. Lo stabiliscono due diverse sentenze della Corte di Giustizia Europea, che si riferiscono entrambe a casi di licenziamento per aver indossato il velo al lavoro. => Le regole sul licenziamento in Italia Normativa Ricordiamo che la discriminazione religiosa diretta (articolo 2,...

Spostamento sede: diritti dei lavoratori

Se il titolare di un'azienda privata decide di cambiare sede in un Comune diverso da quello in cui è stata ubicata per anni, il lavoratore dipendente residente nel Comune dove era originariamente ubicata la sede aziendale quali sono i diritti dei lavoratori (si possono chiedere indennità, rimborsi chilometrici, buoni pasto o simili)?  

Visite fiscali malattia, sì al licenziamento

Malattia È legittimo il licenziamento per giusta causa del dipendente che risulti ripetutamente assente alle visite fiscali di controllo nonostante l’effettività della malattia. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la Sentenza n. 64/2017. Nel caso in esame, la Corte di Cassazione ha definito legittimo il licenziamento del dipendente risultato assente per tre volte alle visite fiscali per malattia nel corso di due mesi senza aver comunicato preventivamente l’assenza dal domicilio. Il provvedimento espulsivo è stato definito valido dai giudici supremi nonostante un sanitario...

Referendum Jobs Act senza Articolo 18

Giustizia Niente quesito sull'articolo 18 nel Referedum sul Jobs Act, ammissibili invece gli altri due (su voucher lavoro e responsabilità solidale negli appalti): è il parere della Corte Costituzionale, di cui non si conoscono ancora le motivazioni, attese nel giro di un mese. Quesiti I tre quesiti sono stati promossi dalla CGIL raccogliendo 3,3 milioni di firme, mentre l’Avvocatura dello Stato in udienza ne ha poi chiesto l’inammissibilità. I due quesiti ammessi riguardano in dettaglio "abrogazione disposizioni sul lavoro accessorio (voucher)" e "abrogazione disposizioni limitative...

Licenziamento dirigente: criterio di giustificatezza

Licenziamento Nel licenziamento del dirigente il criterio della giustificatezza - collegato alla richiesta di indennità supplementare in base alla contrattazione collettiva - deve essere differenziato da quello di "giusta causa" e "giustificato motivo" che legittimano il licenziamento di un lavoratore subordinato. => Licenziamento del dirigente senza giustificato motivo Con sentenza n. 2205/2016, la Corte di Cassazione ha analizzato il licenziamento in tronco di un dirigente, sentenziando in seguito a decisione della Corte d’Appello di Bologna, che a sua volta aveva accolto parzialmente...

Il demansionamento evita il licenziamento

Licenziamenti Il datore di lavoro che taglia posti di lavoro perché esternalizza un servizio che prima era svolto da propri dipendenti ha l'obbligo di provare che al momento del licenziamento non esisteva alcuna posizione di lavoro con mansioni equivalenti da proporre ai lavoratori in esubero e anche di aver loro prospettato, senza ottenerne il consenso, la possibilità di un demansionamento. Lo stabilisce una sentenza di Cassazione che individua paletti precisi al licenziamento per giustificato motivo oggettivo. Come è noto, il Jobs Act ha introdotto cambiamenti importanti, sia in materia di...

Licenziamento: repechage per assunzioni stabili

Licenziamento Il datore di lavoro che licenzia un dipendente a tempèo indeterminato per giustificato motivo oggettivo non viola l’obbligo di repechage se avvia una nuova assunzione a termine prima del licenziamento (Tribunale di Roma, ordinanza 27 ottobre 2014). Se la nuova assunzione "esterna" si perfeziona tramite un tipo di contratto diverso d quello del lavoratore licenziato, infatti, allora non può essere considerato motivo ostativo al repechage. => Il licenziamento per giusta causa In altre parole l’assunzione avvenuta contestualmente al licenziamento non rappresenta violazione...

Congedi lavoro: quando serve il permesso?

Licenziamento Il licenziamento in caso di assenze ingiustificate per permessi fruiti dal dipendente senza consenso del datore di lavoro è legittimo (Cassazione . sentenza n. 2803/2015). In sostanza, il congedo dal lavoro può essere fruito solo con il benestare dell'azienda, tranne alcune eccezioni e solo per gravi motivi (i tre giorni di permesso retribuiti che spettano di diritto ogni anno ai lavoratori subordinati). => Permessi e congedi: cosa prevedono i contratti di lavoro Congedo automatico Il congedo scatta in modo automatico solo in caso di decesso o di infermità grave e documentata...

Email ex-dipendente: chiusura e notifica

Privacy In caso di licenziamento o dimissioni del dipendente l'email aziendale va chiusa e il datore di lavoro deve comunicare ad eventuali terzi la dismissione dell'indirizzo di posta elettronica del lavoratore in questione, segnalando un account aziendale alternativo al contatto utilizzato fino a quel momento. Diversamente, ovvero qualora il datore di lavoro mantenga in essere le email di lavoratori non più alle proprie dipendenze, ad essere violato è il Codice della Privacy. => Email aziendali: i poteri di controllo del datore di lavoro Il Codice privacy vieta altresì il mantenimento...

Licenziamento per assenze strategiche

Licenziamento Tale giurisprudenza, tuttavia, non trova applicazione quando le assenze per malattia avvengono per un numero esiguo di giorni e si reiterano troppo di frequente, soprattutto se costantemente agganciate ai giorni di riposo, a danno della prestazione lavorativa e dell'azienda stessa. La Cassazione (sentenza n. 18678 del 4 settembre 2014) ha infatti confermato la legittimità del licenziamento per giustificato motivo oggettivo del lavoratore che si comporta in questo modo. => Quando si configura il licenziamento per giusta causa Le ripetute assenze “a macchia di leopardo”,...

X
Se vuoi aggiornamenti su Licenziamenti

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy