Lavoratori Precoci

I lavoratori precoci sono tutte quelle persone che siano entrate nel mondo del lavoro prima del compimento della maggiore età. Si tratta quindi di una categoria di lavoratori che, prima della Riforma Fornero del 2012, raggiungeva i 40 anni di contributi necessari alla pensione con un'età anagrafica anche antecedente i 60 anni.

Con la pensione di anzianità abolita sono persone che, come tutte le altre, devono invece ora raggiungere i 42 anni e 10 mesi di contributi nel caso siano uomini, 41 anni e 10 mesi nel caso siano donne.

Dopo anni di discussione e lotte sindacali per re introdurre un tetto massimo contributivo di 41 anni per uomini e donne, è la cosiddetta quota 41, l'articolo 1 co. 199 della Legge di Bilancio 2017 ha dato il via libera per questo tipo di intervento almeno in favore di categorie di lavoratori che abbiano condizioni lavorative e/ economiche particolarmente disagiate.

I lavoratori precoci possono quindi accedere alla quota 41, a prescindere dalla età anagrafica, a patto che prima dei 19 anni abbiano lavorato per almeno 12 mesi effettivi, anche non continuativi, e abbiano maturato l’anzianità contributiva necessaria al 31 Dicembre 1995. L’assegno spettante alle pensioni quota 41 viene quindi calcolato con il sistema misto.

Su PMI.it tutte le informazioni utili per i lavoratori precoci e la quota 41: quando vanno in pensione, i requisiti minimi necessari, quali gli eventuali benefici previsti, le ultimissime sulle pensioni.

Anni di militare e pensione precoci

Sono nato nel 1959 e sono adibito a lavoro usurante dal 1982. Quindi avendo maturato già 41 anni ad ottobre 2016 dovrei rientrare nei 41 anni necessari all'uscita anticipata rispetto alla Legge Fornero dove ne prevede 42 e 10 mesi. Il mio dubbio è che mi sono arruolato nella Marina Militare a 16 anni e 5 mesi congedandomi a 20 anni. Questo periodo è utile al riconoscimento di lavoratore precoce?

Precoci, riscatto laurea non rileva

A luglio 2016 ho maturato 39 anni di contribuzione; ho 57 anni. I primi versamenti sono precedenti ai 18 anni (riscatto corso di laurea). Rientro nella categoria dei lavoratori precoci? Convivendo con mia madre disabile ed usufruendo per lei della Legge 104, avrei la possibilità di andare in pensione con 41 anni di contribuzione?

Quota 41: quali le attività gravose?

Sono un lavoratore precoce nato nel 1961 con 41 anni e 3 mesi di contribuzione. Posso andare in pensione, considerando che 39 li ho lavorati in un fabbrica di cemento come manutentore meccanico (attività industriali insalubri di prima classe, di cui al D.M.05.09.1994 – n.33 B)? I lavoratori delle industrie che producono cemento fanno parte agli operai dell’industria estrattiva?Sono considerati impegnati in lavori gravosi?

Precoci, pensione con assegno di invalidità

Ho tutti i requisiti per la pensione con le nuove leggi sui precoci ma al patronato dicono che non posso fare domanda perché percepisco un assegno ordinario di invalidità (al 75%), irrinunciabile.

APe Social: quando i Decreti Attuativi

Pensione Erano attesi entro il 20 febbraio, per accelerare l'attuazione della Riforma Pensioni in Legge di Stabilità 2017, ma i decreti attuativi APe arriveranno secondo i termini dalla stessa Legge di Bilancio ossia i primi di marzo. Lo conferma il Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti: «Se vogliamo partire a maggio bisogna tenere conto di tutti i passaggi istituzionali che la legge prevede». => Pensione anticipata, cosa conviene nel 2017 Si tratta, lo ricordiamo, dell’anticipo pensionistico APe (nelle sue varie formule) che consentirà ai lavoratori di ritirarsi dal lavoro,...

Esodati: come scegliere fra APe Social e salvaguardie

Sono ex dipendente ​ in​ mobilità ​fino ​a Maggio 2017.​ Ho quasi 58 anni ​ma ​ho iniziato ha lavorare a 15​, ​per cui sono precoce​. Posso accedere all'ottava salvaguardia​ o alla pensione anticipata con la quota 41​?

Pensione per dipendenti e autonomi precoci

Sono autonomo​ ​con 41 anni e 6 mesi di contributi, precoce e disoccupato da tre mesi. Sono nato il 11/09/1956 ed ho iniziato a versare il 01/07/1975 fino a dicembre 2016, data in cui ho cessato l’attività di artigiano. Vorrei sapere se​ ​posso accedere alla modalità di pensionamento anticipato previsto per la quota 41 e precoci del 2017.  

Precoci, in pensione per lavoro gravoso

Sono nata nel novemare 1962, dal 1 gennaio 1977 ho contributi ininterrotti e dal novembre 1992 per lavoro gravoso, ossia assistenza alle persone non autosufficienti: c'è la possibilità di andare in pensione con 41 anni di contributi anziché 41 e 10 mesi come previsto dalla Legge Fornero?

Precoci a quota 41, niente pensione con la NASPI

Sono nata il 30/11/1959 e ho iniziato a lavorare a 16 anni fino al 2015 (licenziata per giustificato motivo oggettivo). Fruisco della NASPI, corrisposta potenzialmente fino al 21/1/2018 e attualmente ho maturato 40 anni di contribuzione. Il 18/12/2017 raggiungo 41 anni di anzianità contributiva, con presunta decorrenza al 01/10/2018 (ho contributi versati per altro periodo lavorato intorno ai 14 anni). Ho letto che per la pensione anticipata dei precoci serve: almeno 12 mesi di contribuzione per periodi di lavoro effettivo precedenti il raggiungimento del 19° anno, contributi presso...

Prepensionamento, più opzioni possibili

Sono nato a novembre del 1956, ho iniziato a lavorare il 1/1/1975 con 37 settimane contributive al compimento del 19° anno. Dal 2016 sono disoccupato e percepisco la disoccupazione (NASPI) fino al 31/12/2016 con un totale contributivo di 2133 sett. Nel 2011 ho presentato istanza per i benefici di salvaguardia ai sensi dell'art. 24 commi 14 e 15 del DL n°201/2011 avendo precedentemente sottoscritto accordo di incentivo all'esodo ex legge 223/91. La mobilità e finita a ottobre del 2013 e a gennaio del 2014 ho continuato a lavorare fino al 31/12/2015. Devo versare i contributi volontari per...

X
Se vuoi aggiornamenti su Lavoratori Precoci

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy