Investimenti Esteri

Investimenti esteri: focus a Salerno

Italia Il forum itinerante “Investimenti esteri: risorsa odierna; speranza di domani” promosso da Confassociazioni International, con Unioncamere ed ICE, farà tappa a Salerno mercoledì 23 novembre presso la Camera di Commercio (Via Roma 29, sala Genovesi). => Investire in Tunisia nell’ICT: incentivi e opportunità per le imprese estere Si tratta della quarta tappa del ciclo di conferenze dedicato agli investimenti esteri che segue gli incontri organizzati a Torino, Mestre e Roma. Programma Nel corso dell’incontro si parlerà del sistema Paese, con focus su come viene promossa...

Brexit, opportunità per l’Italia

Fabrizio Pagani su brexit Sicuramente «la Brexit è un grosso shock per l'Europa», che però «sarà capace di reagire», mentre per l'Italia è un'occasione «per sfruttare tutte le opportunità che da questo evento nasceranno»: Fabrizio Pagani, capo della segreteria tecnica del Ministero dell’Economia e delle Finanze, esprime ottimismo sulle opportunità che si aprono dopo l'esito del referendum britannico. => Brexit: cosa cambia per le esportazioni italiane Il Governo, spiega, «ha fatto molto per rendere il paese attraente per il business internazionale», che ora potrebbe quindi scegliere l'Italia...

FIPA Tunisia, il partner verso il successo in Tunisia

tunisia 1 FIPA – Tunisia (Foreign Investment Promotion Agency) è l’agenzia pubblica ministeriale della Tunisia, certificata ISO 9001 – 2008 e creata nel 1995 sotto la tutela del Ministero tunisino dello Sviluppo, dell’Investimento e della Cooperazione Internazionale. La sua mission è fornire sostegno e assistenza, qualificata e gratuita, necessari agli investitori esteri nella realizzazione di progetti di investimento in Tunisia, in particolare delle attività produttive e di servizi. FIPA Tunisia ha sede centrale a Tunisi ed è presente all’estero con nove uffici di rappresentanza...

Brexit, analisi e prospettive in diretta su FinanzaOnline TV

Brexit   Riflettori puntati sulla Brexit: l’esito del referendum - la Gran Bretagna ha scelto di uscire dalla UE -avrà  ricadute importanti per lo scenario politico-economico mondiale (il primo effetto: le dimissioni del Premier Cameron)  e in particolare per gli investitori. Italiani compresi. Per non parlare delle imprese che hanno accordi commerciali con organizzazioni oltre Manica. Per seguire in tempo reale i risultati della votazione, il canale video di FinanzaOnline  (portale del gruppo Triboo Media) ha organizzato una diretta streaming gratuita da Londra, in...

Investimenti imprese, la Cina apre le porte all’Italia

Pechino L’ambasciatore cinese in Italia incoraggia le imprese a investire in Cina, dove il mercato e i consumatori sono alla ricerca di prodotti di qualità, forte di uno “zoccolo duro” di circa 100 milioni di abitanti dalle disponibilità medio-alte. In un lungo incontro, l’ambasciatore Li Ruiyu – il diplomatico che Pechino ha inviato a Roma – ha spiegato quali siano le possibilità di investimento per le imprese italiane che “abbiano coraggio e mentalità aperta” e che vogliano intraprendere collaborazioni con società cinesi al fine di portare in Oriente i prodotti di cui il...

PMI toscane a caccia di investimenti esteri

investimenti esteri È stata siglata in Toscana una nuova intesa per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane. Il fine è quello di ricercare investitori internazionali e favorire il loro insediamento sia industriale sia istituzionale, come ha sottolineato il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, che ha firmato l’accordo insieme al viceministro Carlo Calenda e Andrea Napoletano in rappresentanza del Ministero dello Sviluppo Economico e ICE: «Fra le Regioni italiane, la Toscana è la prima a firmare un’intesa del genere e il nostro è un autentico,...

Investimenti esteri: dalla Cina nuova linfa per le PMI

Capitali cinesi Se l’Europa cerca ancora a fatica di uscire dalla lunga fase di recessione, obiettivo di molte piccole e medie imprese italiane è guardare alle economie emergenti che possono portare nuova linfa alle proprie casse alleggerite, ponendosi come investitori virtuosi e spalancando le porte dei propri mercati, offrendo spazi prima inimmaginabili. Capitali cinesi I capitali cinesi guardano con grande interesse le aziende italiane come possibili occasioni di investimento, come conferma il report “China Outlook 2015” presentato dalla Kpmg, società attiva in 155 Paesi del mondo con oltre...

Attività Finanziarie all’Estero: la nuova imposta

Attività finanziarie all'estero, ora tassate con l'IVAFE La Legge di Stabilità 2013 (Legge n. 228/2012) ha introdotto una nuova imposta sulle attività finanziarie: l'IVAFE, o Imposta sul Valore delle Attività Finanziarie all'Estero. Questo significa che i residenti in Italia in possesso di attività finanziarie all'estero - come partecipazioni, obbligazioni, contratti di natura finanziaria, derivati, metalli preziosi e così via - dovranno pagare l'IVAFE già a partire dall'anno di imposta 2012, con le stesse modalità con le quale vengono versati acconto e saldo IRPEF. => Leggi come calcolare e versare acconto e saldo...

Imprese all’estero: strumenti e incentivi 2013

Internazionalizzazione Ai nastri di partenza il Desk Italia, Sportello unico di attrazione investimenti esteri, istituito con il Decreto Sviluppo bis (comma 2, art. 35,  DL 179/2012) per coordinare e indirizzare gli imprenditori esteri che vogliono investire sul territorio italiano. Lo sportello unico è operativo a seguito del DPCM 31 gennaio 2013, che ne ha definito modalità organizzative e funzionali, e del DM 6 marzo 2013 per la selezione del personale incaricato. Con sede presso il Ministero dello Sviluppo Economico - operando assieme a quello per gli Affari Esteri - svolge tre compiti: fornire...

Investimenti esteri: serve uniformità di regole

Servono regole uniformi per gli investimenti delle imprese, che siano effettuati in Italia o all'estero. Questo in sostanza il parere del Ministero degli Affari Esteri, che cerca di rispondere alle esigenze manifestate dalle aziende con un rinnovato impegno in termini di strategie di internazionalizzazione. Servono infatti nuove modalità per gli investimenti diretti esteri e nella catena di sub-forniture, più vicine a quelle cui sono abituati in patria. Soprattutto, è necessario promuovere la cultura della conoscenza come strumento di competitività, sviluppando e diffondendo al...

X
Se vuoi aggiornamenti su Investimenti esteri

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy