Debito Pubblico

Deficit Italia in aumento: stime UE 2016

GettyImages-462777028 La Commissione Europea ha rivisto al ribasso le stime di crescita per l'Italia. Il dato che preoccupa non è tanto il PIL quanto il deficit (+1,5%) e il debito pubblico (132,4%). In generale, in Europa i segnali di ripresa ci sono e sono ormai stabili per il quarto anno consecutivo, seppur con un ritmo moderato, guidata principalmente dai consumi. In Italia, tuttavia, l'outlook sul PIL subisce una penalizzazione nonostante le previsioni positive (in parallelo a quelle in crescita per mercato del lavoro e disoccupazione). Peccato che i trend del nostro debito pubblico trascinino al...

Le stime del DEF, i conti e l’Europa

Pier Carlo Padoan, ministro dell'Economia Le stime di bilancio contenute nel DEF (Documento di Economia e Finanza) sono quelle attese: PIL 2014 allo 0,8%, decifit/PIL al 2,6% sotto del limite del 3% dei parametri europei, pareggio nel 2016, debito in riduzione dal 2015. A partire da queste cifre, il Governo Renzi ha presentato a margine del CdM anche il Documento il Programma di Stabilità, che mette parecchia carne al fuoco e chiama in causa l'Europa per l'attuazione di quelle riforme ritenute indispensabili per riaggaciare la crescita dopo gli anni dell'austerity. La flessibilità UE Per far crescere l'Italia, l'Europa...

Italia promossa dalla UE: deficit non più eccessivo

Il presidente della Commissione Ue Josè Manuel Barroso La Commissione Europea ha promosso l'Italia in serie A decretando la fine della procedura per deficit eccessivo aperta nel 2009: il disavanzo pubblico si è costantemente ridotto scendendo al 3% nel 2012, «entro il termine fissato dal Consiglio». Conti pubblici «Il programma di stabilità 2013-2017, adottato dal governo italiano il 10 aprile 2013 e approvato dal Parlamento il 7 maggio, prevede un leggero calo del disavanzo, che dovrebbe scendere al 2,9% del PIL nel 2013 e ridursi all’1,8% del PIL nel 2014» (leggi qui). Anche le previsioni di primavera 2013 dei servizi della...

DEF approvato ma per la UE Italia a rischio contagio

Crisi economica: allarme Ue e nuovo Def Nel bel mezzo dello stallo politico italiano, il Governo approva il nuovo Def, Documento di Economia e Finanza, che aggiorna le stime per il prossimo triennio dopo il decreto che sblocca i pagamenti della PA. L'obiettivo è la chiusura entro maggio della procedura per deficit eccessivo aperta dalla UE nei confronti dell'Italia nel 2009. Ma dall'Europa arriva una nuova doccia fredda: il rapporto sugli squilibri macroeconomici della Commissione UE mette in guardia su un nuovo rischio contagio dall'Italia al resto dell'Eurozona, che «resta considerevole se le turbolenze sui mercati...

Debito pubblico record, bene le entrate grazie all’IMU

Debito pubblico record, bene le entrate grazie all’IMU Il debito pubblico raggiunge un altro massimo storico toccando i  1.972,9 miliardi di euro a giungo, contro i 1966,3 di maggio. Cifra record che scaturisce dall’ultimo bollettino diffuso dalla Banca d’Italia e che mostra un incremento di 6,6 miliardi di euro nell’arco di un solo mese. L’aumento del debito pubblico si spiega con l’incremento delle disponibilità liquide detenute dal Tesoro, passate da 10,3 miliardi a 46,1 miliardi, unitamente agli scarti di emissione pari a 1,7 miliardi di euro in grado di compensare ampiamente l'avanzo di 5,4 miliardi. Si tratta di report...

Amato-Bassanini: 6 mosse contro il debito pubblico

Debito pubblico Debito pubblico, risanarlo n Italia è possibile e senza ricorrere ad imposizioni patrimoniali straordinarie, ovvero senza nuove tasse, secondo lo schema in sei mosse studiato dall’ex premier Giuliano Amato e dal presidente della Cassa depositi e prestiti, Franco Bassanini e inviato al presidente del Consiglio, Mario Monti, e al ministro dell’Economia, Vittorio Grilli. Il Piano Amato - Bassanini Un piano in grado di garantire il pareggio del debito pubblico portando a ricavare 150-200 miliardi entro il 2017 e altri 150 nei cinque anni a seguire. Fondamentale però è proseguire con...

Debito Italia: dismissioni Grilli, rigore Merkel e allarme FMI

Grilli Merkel Privatizzazioni: è la parola d'ordine del Piano di dismissioni del patrimonio pubblico del neo ministro dell'Economia, Vittorio Grilli. Un piano da 15-20 miliardi l'anno - ovvero l'1% del PIL - per ridurre il debito pubblico del 20% in 5 anni. Secondo Grilli, come riferito al Corsera, l'attuale debito potrebbe così scendere dal 123 al 103% del PIL e contenere anche i potenziali effetti della recente bocciatura di Moody's (da A3 a Baa2) e dello spread di nuovo in salita alla vigilia di un mese, agosto, tradizionalmente speculativo sui mercati anche in considerazione dei bassi...

Spending review: aumento IVA 1% a gennaio 2013

Spending review: i criteri per l'abolizione delle province Spending review: riflettori puntati sul piano di interventi volti a scongiurare il potenziale aumento IVA di 2 punti percentuali a ottobre 2012. L'orientamento del Governo è di ridurre l'aumento dell'imposta sul valore aggiunto a gennaio 2013, limitandolo all'1%. I più ottimisti non escludono la possibilità di evitare del tutto gli aumenti. Le ipotesi a cui si sta lavorando sono due: un decreto più leggero da 5-6 miliardi di euro o uno più pesante da 8-10 miliardi.In entrambi i casi, par di capire, l'aumento IVA di due punti a ottobre sarebbe scongiurato: per questo obiettivo,...

Debito pubblico record: Monti svende l’Italia?

Mario Monti Altro che pareggio di bilancio dal 2013, in Italia il debito pubblico continua a segnare ogni mese un nuovo record: 1.948,584 miliardi di euro, secondo gli ultimi dati della Banca d'Italia. Decreto Salva Italia  e Liberalizzazioni, Riforma delle Pensioni e Riforma del Lavoro e chi più ne ha più ne metta hanno avuto come risultato - a quanto pare - solo quello di aumentare la pressione fiscale su cittadini, famiglie e imprese senza davvero andare a invertire la rotta. Ecco perché ora, con lo spettro della recessione ed il ritorno del rischio contagio, il premier Mario Monti ha...

Bankitalia: debito pubblico da record, ombre su Monti

Debito pubblico record, bene le entrate grazie all’IMU Cresce il debito pubblico italiano ed è nuovo record dopo i 1.934,980 miliardi di euro di gennaio e i 1.928,226 miliardi di febbraio: a marzo si sono sfiorati i 2 miliardi, anche a causa di un -0,5% di tasse nelle casse dello Stato. Il debito pubblico ha raggiunto quota 1.946,083 miliardi (+12 miliardi su gennaio 2012). A rivelarlo è il Supplemento al Bollettino statistico di Bankitalia dedicato alla finanza pubblica. A dicembre il debito era di 1.897,646 miliardi di euro e da Federconsumatori è giunto pronto l'allarme: il debito pubblico nel periodo di governo di Monti (da...

X
Se vuoi aggiornamenti su debito pubblico

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy