Cumulo contributi 2017: novità, requisiti e domanda - PMI.it

Cumulo Contributi

Il cumulo contributi è quel particolare meccanismo grazie al quale è possibile aggregare quanto versato al lavoratore in casse previdenziali differenti perché ha avuto un percorso lavorativo discontinuo.

È un sistema introdotto dalla Legge 228/2012 (in vigore dal 1 Gennaio 2013) e ulteriormente rivisto, in maniera estensiva (reso valido anche ai fini del raggiungimento dei requisiti per la pensione anticipata e non solo per quella di vecchiaia), dalla Legge di Bilancio 2017 in vigore dal 1 Gennaio 2017. Il lavoratore può quindi cumulare i periodi assicurativi di periodi non coincidenti, accreditati in diverse gestioni in maniera del tutto gratuita, al fine di godere di un'unica pensione che sarà liquidata pro quota, ossia secondo le regole di calcolo di ciascun fondo e in base alle rispettive retribuzioni di riferimento.

Con l'approvazione della Legge di Bilancio 2017, possono accedere al cumulo contributivo gratuito tutti i lavoratori iscritti a due o più forme di assicurazione obbligatoria (invalidità, vecchiaia e superstiti dei lavoratori dipendenti e autonomi), coloro che sono iscritti alla gestione separata INPS o a forme sostitutive della stessa (ex Inpdap, ex Enpals, …) e, infine, gli iscritti alle casse professionali.

Il requisito fondamentale per poter cumulare gratuitamente i contributi è che l'assicurato non goda già di trattamento pensionistico diretto da una delle gestioni interessate coinvolte nel cumulo stesso.

La domanda per la pensione in regime di cumulo deve essere presentata presso l'ente previdenziale dove è stata accreditata l'ultima contribuzione; sarà quindi quest'ultimo ad avviare il procedimento nei confronti degli altri enti dove sono presenti i contributi da cumulare.

Ultime notizie e guide complete per procedere al cumulo dei contributi senza incorrere in errori e ritardi, su PMI.it tutto quello che devi sapere: calcolo e simulazioni di cumulo da diverse gestioni.

Importo pensione: tutte le stime online

Sono un dipendente di enti locali che a maggio 2017 avrà 65 anni. Le seguenti ipotesi danno luogo a un sostanziale montante pensionistico? Decorrenza pensione 1 aprile 2017 con cumulo gratuito di 1 anno e complessivi 43 anni e 8 mesi; stessa decorrenza con ricongiunzione onerosa di 1 anno (4.037 euro non ancora versati) e complessivi 43 anni e 8 mesi; decorrenza 1 giugno 2017 con 42 anni e 10 mesi di contributi senza né cumulo né ricongiunzione.

Cumulo contributi della gestione separata: come fare

Come molti,  ho usufruito del calcolo pensione offerto telematicamente da Inps. Sul mio risultato,  trovo 23 mesi di gestione separata. Posso richiedere un accorpamento alla mia pensione di vecchiaia? Un anno di disoccupazione come viene conteggiato?

Ricongiunzione contributi INPS ed ENPALS

Sto versando contributi volontari per riscattare 6 mesi del 1977 in cui il datore di lavoro dell'epoca non aveva versato all'ENPALS. Ora che sono in gestione INPS, questi periodi possono rientrare nel rimborso della ricongiunzione onerosa?

Cumulo pensione professioni ordinistiche

Essendo dirigente medico ospedaliero nata il 13/10/1953 con anzianità di servizio di 29 anni: avendo riscattato i 6 anni di laurea, ed essendo iscritta all'ordine dal 1979 posso usufruire del regime di cumulo per raggiungere i 41 anni e 10 mesi, posso fare domanda di pensione? Nel caso, a chi fare richiesta di cumulo?

Ricongiunzione contributi, recesso limitato

Pensioni Il lavoratore che sceglie il cumulo gratuito dei contributi per andare in pensione anticipata - nuova opzione prevista dalla Legge di Stabilità - e aveva già fatto richiesta di ricongiunzione onerosa, può recedere ma con una serie di paletti: il primo è che il recesso è previsto solo nei casi in cui la ricongiunzione riguardi assicurazione generale obbligatoria e forme esclusive e sostitutive della medesima, quindi restano escluse le casse previdenziali dei professionisti. Altre regole: per chi ne ha diritto, il recesso va chiesto entro fine 2017 e solo se non è stato ancor...

Calcolo pensione: alternative a confronto

Sono nata nel 1959 e ho esercitato per 13 anni lavoro autonomo come agente di commercio, fino al 2000. Dal 2006 sono iscritta alla gestione separata INPS in quanto svolgo attività di procacciatore d'affari. Potrò al momento della pensione ricongiungere i versamenti? Oppure sono destinata a perdere ciò che ho versato all'INPS durante i 13 anni precedenti?  

Contributi silenti: il problema della gestione separata

Sono stato dipendente a tempo indeterminato per 5 anni e 10 mesi, ora mi sono licenziato per avviare una mia società. I contributi INPS versati sono recuperabili o dovrò valutare soluzioni alternative, tipo diventare dipendente della mia stessa società fino al raggiungimento dei minimi.

Cumulo contributi medici: le novità 2017

Sono medico, in libera professione dal 1990 al 2006 versando contributi ENPAM (quota A e B). Dal 2007 sono dipendente privato versando contributi INPS ma svolgendo anche attività libero-professionale versando all'ENPAM le relative quote. Ho riscattato anche 9 anni di studio con l'INPS. Oggi ho chiuso la Partita IVA e verso all'ENPAM solo la quota A. Posso cumulare i contributi presso l'INPS e con quali vantaggi? Se ci sono periodi coincidenti , come ci si comporta? Se optassi per una pensione anticipata quali sarebbero le condizioni e la trafila burocratica?

Contributi silenti: cosa fare, guida completa

pensioni Le novità sul cumulo gratuito contributi introdotto dalle Legge di Bilancio 2017, così come l'ottava salvaguardia esodati, costituiscono nuove risposte alla questione dei contributi silenti, ovvero i versamenti non sufficienti a maturare una pensione e di conseguenza perduti. Ci sono gestioni previdenziali che riconoscono agli iscritti la restituzione dei contributi versati, altre come l'INPS che invece non prevedono questa possibilità. => Pensione, cumulo gratuito per tutti Le casse dei professionisti spesso prevedono la restituzione dei contributi: ENPAM (medici), Inarcassa...

Cumulo contributi Enasarco in attesa di regole

Ho 59 anni e contributi INPS per anni 38 e mesi 7, con un periodo di contributi versati a Enasarco di circa 12 mesi (evidenziato su estratto contributivo INPS): è possibile cumularli con quelli INPS? C'è un costo?

X
Se vuoi aggiornamenti su Cumulo contributi

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy