Confesercenti

Pensione anticipata con assegno ridotto e staffetta

Staffetta generazionale Quasi un milione di lavoratori anziani (il 49%) accetterebbe di andare in pensione anticipata con un taglio dell'assegno: è quanto emerge da un sondaggio promosso da Confesercenti e condotto da SWG sulla flessibilità in uscita. Per capirci, il target è lo stesso della platea dei dipendenti destinatari del part-time per la pensione inserito nella Legge di Stabilità. Anche sulla base di quanto emerso, l'associazione di PMI formula una proposta di staffetta generazionale: per ogni lavoratore che sceglie il tempo parziale agevolato l'impresa assume un lavoratore giovane, finanziando...

730 precompilato, partenza con dubbi e critiche

730 precompilato Solo un contribuente su quattro, fra coloro che riceveranno nei prossimi giorni il 730 precompilato 2015, coglierà le semplificazioni in atto e farà da solo la propria dichiarazione dei redditi (accettando il modello come impostato dal Fisco, oppure modificandolo), mentre il 75% dei destinatari della dichiarazione dei redditi precompilata continuerà a rivolgersi a CAF o intermediari: i dati sono di Confesercenti, in base a un monitoraggio sull'adozione del 730 precompilato da parte degli utenti. => Modello 730 fai da te 730 fai da te o dai CAF Nel dettaglio, il 25% dei...

Negozi a orario libero: un flop per le PMI

Shop La liberalizzazione degli orari dei negozi non ha centrato l'obiettivo di rilanciare i consumi e in compenso ha sfavorito i piccoli esercizi, già duramente colpiti dalla crisi:  fra il 2012 e il 2013 si sono persi oltre 100mila posti di lavoro nel settore registrando 28,5 miliardi di minori consumi delle famiglie.  La critica arriva da Confesercenti (in concomitanza con la partenza fiacca dei saldi di fine stagione estiva 2014), che chiede di tornare alla regolamentazione dell'apertura dei negozi. PMI penalizzate Sul fronte concorrenza la norma è stata controproducente per molti...

Lavoro e Fisco: semplificazioni e agenzia unica per le imprese

confesercenti Non solo semplificazioni in ambito fiscale: per le imprese, ci sono in arrivo analoghe misure anche in ambito lavorativo. Con la delega sul lavoro, ultimo atto del Jobs Act, il ministro Poletti ha infatti annunciato la proposta del Governo di dare vita ad un'agenzia unica per le ispezioni, che sarà prevista dal testo della norma attualmente in commissione Lavoro al Senato. => Speciale Semplificazioni Semplificazioni per le aziende «Non si può andare avanti quando in un'impresa c'è un giorno l'ispezione del Ministero del Lavoro, un altro giorno quella dell'INAIL, dell'INPS o del...

Esodati del Commercio: la soluzione c’è

Esodati Circa 1.500 lavoratrici del settore Commercio si sono ritrovate esodate a causa di un buco normativo nella Riforma delle Pensioni: approfittando di una legge del 2009 avevano "rottamato" la loro licenza commerciale per ottenere una pensione anticipata, che però non è mai arrivata perché nel frattempo è intervenuta la Legge Fornero ad alzare i requisiti per l'assegno previdenziale. Rimaste senza stipendio né pensione come gli altri esodati, queste lavoratrici scontano anche una beffa oltre al danno:  il fondo dei commercianti potrebbe coprire la loro...

Pensioni in Italia: salasso fiscale rispetto all’Europa

Pensioni, le tasse in Italia e in Europa Le tasse sulle pensioni in Italia sono follemente più alte che nel resto d'Europa: su una pensione di 1.500 euro (tre volte il minimo) si pagano in Italia 4.000 euro annui contro 39 euro in Germania (nessun errore: 39 euro contro 4mila), 1.700 in Spagna, 1.400 in Gran Bretagna e 1.000 in Francia. Dall'indagine Confesercenti - discussa all'assemblea Fipac - emergono due differenze fondamentali tra la previdenza italiana ed europea: detrazioni sui redditi da pensione - al contrario degli altri paesi, in Italia sono più basse di quelle dei dipendenti (che quindi pagano più...

Crisi, consumi e tasse: il conto delle aziende

Crisi consumi e aumento tasse: sos di Confesercenti e Confcommercio I bilanci delle imprese sono in sofferenza (redditi medi ridotti dell'11% fra il 2007 e il 2010) e si finisce per chiudere i battenti: fra commercio al dettaglio,  ristorazione e alberghi, nel 2012 hanno chiuso 253 imprese al giorno e nel 2013 si arriverà a quota 281 al giorno per un totale di 450mila unità. => Consulta i dati sulle chiusure d'impresa E' l'allarme lanciato da Confesercenti a margine della sua analisi "L'impresa presenta il conto", che quantifica il peso  su imprese e famiglie di IMU, TARES ed IVA nel 2013.  Le aziende italiane pagano troppe tasse. =>...

Confeserfidi: incentivi alla imprese per la sicurezza sul lavoro

Confeserfidi: incentivi alla imprese per la sicurezza sul lavoro Confeserfidi concede incentivi alle imprese al fine di favorire la realizzazione di tutti gli interventi finalizzati al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. => Confeserfidi: fidejussioni per assunzioni con apprendistato I contributi, secondo quanto stabilito dall'Avviso Pubblico 2012 (art. 11, comma 1 lett. a e comma 5 del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i.), sono destinati alle imprese iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura presenti nel territorio nazionale, le quali devono presentare progetti di investimento per il...

Imprenditori in crisi: nasce Parla Impresa in Emilia

Crisi economica Confesercenti Modena ha dato vita a un progetto mirato a offrire sostegno e supporto agli imprenditori in difficoltà: si chiama “Parla Impresa”, un social web aperto a tutti gli imprenditori che hanno bisogno di aiuto e che vogliono raccontare la loro esperienza condividendola con gli altri. Attraverso il sito web Parlaimpresa.it, infatti, un team di consulenti offre sostegno agli imprenditori in difficoltà, a causa del mancato accesso al credito o del ritardo nei pagamenti della PA. Uno spazio virtuale suddiviso in sei sezioni dedicate alle nuove imprese, all’imprenditoria...

Sisma Emilia: chiuse 8 imprese su 10

Crisi aziendale Il bilancio delle imprese emiliane colpite dal terremoto dello scorso maggio e ancora impossibilitate a riprendere l’attività si fa sempre più negativo: lo rende noto Confesercenti Modena, che informa sulle cifre relative alla produzione locale: sono più di 150 le imprese dell’area commercio e servizi a essere state danneggiate dal sisma, e tra queste 8 su 10 non hanno ancora riaperto l’attività, con danni economici che complessivamente arrivano a 6 milioni e mezzo di euro. «Il sisma ha causato danni per milioni di euro a strutture, merci, strumenti di lavoro. A cui vanno...

X
Se vuoi aggiornamenti su confesercenti

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy