Confapi

Aumento IVA: la FAPI si appella al Governo

Aumento IVA In attesa di conoscere il verdetto emesso dal Governo riguardo l’aumento di un punto dell’IVA, che a luglio potrebbe passare dal 21% al 22%, cresce il malcontento delle imprese e dei consumatori, tanto che la stessa FAPI (Federazione Autonoma Piccole Imprese) si appella al premier Letta per scongiurare l’incremento del balzello. => Aumento IVA verso la conferma: i nuovi rincari «Il Governo faccia di tutto per scongiurare l’aumento dell’Iva, un provvedimento che avrebbe effetti disastrosi sull’economia. L’aumento produrrà ulteriori ripercussioni negative sui...

Contratti collettivi: accordo con Confapi per le PMI

Contratti Confapi e Cgil, Cisl e Uil hanno siglato un accordo interconfederale a favore delle imprese, un’intesa volta a potenziare l’occupazione, la produzione, le relazioni industriali e stabilizzare le retribuzioni dei lavoratori. Al centro dell’accordo c’è la questione relativa ai contratti collettivi di secondo livello, ma anche la volontà di far partecipare i dipendenti alle decisioni che riguardano la contrattazione aziendale, conferendo loro il diritto di voto sui contratti approvati dalle sigle sindacali. Paolo Galassi, Presidente di Confapi, sottolinea come l’intesa...

Pmi italiane in rosso: il 77% nel 2008, il 64% nel 2009

Lo aveva già annunciato Confapi ed ora lo confermano anche gli studi Iperion Corporate Finance: le Pmi italiane sono in rosso. I 3/4 delle sulle piccole e medie aziende italiane (77%) hanno chiuso il 2008 in perdita: un anno nero per 784.830 Pmi, dunque. E per il 2009 il trend si preannuncia poco migliore: 64%. «La nostra analisi dimostra la situazione di difficoltà delle imprese italiane nella fase che ha preceduto l'acuirsi della crisi finanziaria», ha dichiarato Ludovico Mantovani, partner Iperion Corporate Finance. Allo stesso tempo però, dallo studio di evince...

X
Se vuoi aggiornamenti su confapi

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy