Compensazione Crediti

School Bonus, codice tributo in compensazione

School bonus Lo School Bonus è il nuovo credito d’imposta al 65% sulle erogazioni liberali destinate a scuole ed enti di formazione e ricerca (realizzazione di nuove strutture; potenziamento e manutenzione di quelle esistenti; interventi per l’occupabilità degli studenti) introdotto dalla Legge 107/2015 (articolo 1, commi da 145 a 150) e posticipato dalla Legge di Stabilità 2016 (comma 231, lettera a) fino al 2017 (dal 2018 scenderà 50%). => Tutte le nuove agevolazioni fiscali A partire dal 1° gennaio 2017 i titolari di reddito di impresa potranno sfruttare il credito d’imposta...

Rimborso assegni familiari

Nel 2012 ho assunto una collaboratrice di origini filippine, che a fine 2015 ha chiesto il ricongiungimento familiare con i figli, ancora residenti nelle Filippine. A giugno 2016 avanza richiesta di assegni familiari arretrati, per un totale di 8500 Euro, e poco dopo presenta le dimissioni, ponendomi nelle condizioni di corrisponderle in unica soluzione l'intero importo con l'impossibilità di recuperarli in compensazione. Essendo una prestazione INPS che il datore di lavoro semplicemente anticipa, come recuperare la somma?

Compensazione cartelle e crediti PA 2016

Crediti PA Nuova possibilità di compensazione crediti vantati con la PA per imprese e professionisti: si possono utilizzare le cartelle esattoriali emesse entro il 2015. Lo prevede il DM Economia del 27 giugno 2016, in vigore dal 12 luglio (con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale). In pratica, è stato prorogata a tutto il 2016 la compensazione tra debiti e crediti fiscali introdotta con DM 24 settembre 2014. => Compensazione crediti e debiti PA: come ha funzionato nel 2015 Imprese e professionisti titolari di crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili nei confronti della Pubblica...

Crediti in dichiarazione congiunta

Mia moglie non risulta a mio carico, avendo un reddito di affitto di un appartamento (in un condominio) a canone concordato; gode inoltre dei vantaggi della cedolare secca su questo contratto di locazione. Mia moglie ha avuto spese di ristrutturazione del condominio nel 2015 che superano addirittura l’importo del reddito d’affitto: quindi ha un credito d’imposta. Mi si dice (ufficio dell’Agenzia delle Entrate di zona) che non posso portare in compensazione al mio debito il credito del coniuge, in quanto la cedolare secca crea una situazione particolare: la sentenza 8533/2016 della...

Compensazione crediti IRPEF nel 730 congiunto

Dichiarazione redditi congiunta In caso di dichiarazione dei redditi congiunta, il credito di imposta IRPEF di uno dei due coniugi può essere utilizzato in compensazione dall'altro. Questo vale anche se il credito d’imposta è maturato per il versamento delle ritenute operate per il lavoro prestato nell’impresa del coniuge. Lo ha chiarito la Corte di Cassazione con la sentenza 8533/2016. => Dichiarazione congiunta con 730 precompilato: guida I Giudici ricordano che la Legge n. 144/1997, art. 17, concede ai coniugi (non legalmente separati) di presentare un'unica dichiarazione dei redditi, opzione a seguito...

730 precompilato e rimborsi IRPEF 2016

Controlli fiscali Per evitare ritardi nei rimborsi IRPEF risultanti nel 730 precompilato è preferibile utilizzare il credito in compensazione con altri tributi. Questo soprattutto perché in caso di dichiarazioni dei redditi precompilate presentate con modifiche, queste potranno essere soggette a verifiche preventive e per il versamento dei rimborsi bisognerà necessariamente attenderne l'esito. => Dichiarazione dei redditi omessa? No alla compensazione Controlli fiscali L'eventuale rimborso del credito IRPEF sarà inserito a conguaglio direttamente in busta paga a partire dalla mensilità di...

Compensazione credito IRAP senza dipendenti

Fisco Istituito da parte dell'Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 105/2015, il nuovo codice tributo denominato “IRAP – utilizzo in compensazione del credito d’imposta di cui all’articolo 1, comma 21, della legge 23 dicembre 2014, n. 190” da utilizzare per il credito d’imposta IRAP per i contribuenti senza dipendenti. => Credito di imposta: gli usi possibili Codice tributo Il codice tributo da utilizzare nel modello F24 per portare il compensazione il credito d’imposta previsto dell’art. 1, comma 21, Legge n.190/2014 è “3883” e sarà operativo a partire dal...

Dichiarazione dei redditi omessa? No alla compensazione

Sentenza Cassazione Con la sentenza n. 1287/2015 la Corte di Cassazione ha chiarito che se non si è in regola con l'adempimento di presentazione della dichiarazione dei redditi non è possibile avere accesso alla compensazione dei crediti vantati con il Fisco. Il mancato rispetto della procedura formale della presentazione del modello di dichiarazione dei redditi rappresenta un motivo sufficiente a giustificare la preclusione all’utilizzo del credito maturato in questa annualità in compensazione con i debiti dell’anno successivo. Il motivo è semplice: senza la denuncia dei redditi l’Amministrazione...

Modello 730: le novità sulle compensazioni

730 precompilato Novità 2015 per i contribuenti che in dichiarazione dei redditi decidono di portare in compensazione i crediti risultanti dal 730: il modello F24 non si può più presentare alla banca o all'ufficio postale ma va inviato direttamente all'Agenzia delle Entrate per via telematica. Si tratta, evidentemente, di un adempimento che riguarda sia chi presenta il 730 precompilato sia il modello 730 cartaceo. => F24 solo online: ecco le regole Quadro I: Compensazioni Nel modello 730 c'è un apposito quadro I dedicato alle imposte da compensare. La compilazione è semplice: si inserisce...

Compensazione crediti indebita senza dichiarazione integrativa

Ritardo pagamenti Il contribuente che non presenta la dichiarazione dei redditi integrativa per correggere un errore precedentemente commesso non può portare in compensazione un credito IVA relativo all'anno precedente ma deve, eventualmente, chiederlo a rimborso presentando apposita istanza. Intanto il Fisco può intervenire per recuperare l'eventuale maggiore imposta. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con sentenza 7223/2015. => Leggi tutto su compensazione crediti IVA Il caso riguarda il ricorso di un'impresa contro l'Agenzia delle Entrate che chiedeva la maggior IVA dovuta in base a un...

X
Se vuoi aggiornamenti su Compensazione crediti

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy