Burocrazia

I costi della burocrazia per le PMI

Sangalli Rete Imprese Italia La burocrazia costa alle PMI italiane 30 miliardi l'anno, il 2% del PIL: rendendo l'apparato statale più efficiente attraverso un'opera di semplificazioni, le imprese risparmierebbero il 25% di questa cifra, vale a dire 7 miliardi e mezzo di euro. Sono i numeri del rapporto presentato da Rete Imprese Italia sugli "Scenari di crescita in presenza di una semplificazione amministrativa". Un altro dato lo fornisce il presidente dell'associazione di PMI, Carlo Sangalli, rilevando che: «nel confronto internazionale, il numero di ore necessarie per assolvere gli adempimenti fiscali per le...

Burocrazia zero per le PMI: il Decalogo CNA

CNA Combattere la burocrazia a livello legislativo e operativo semplificando le leggi, la loro attuazione e gli adempimenti operativi: la CNA (Confederazione Nazionale Artigianato) propone al Governo "Dieci proposte di semplificazione" (scarica il decalogo) per far ripartire l'Italia. Presentato al Ministro Madia, in documento prevede in primis di concentrare le novità legislative che riguardano le Piccole e Medie Imprese nei tre appuntamenti annuali che l'ordinamento già prevede: Legge di Stabilità, Legge sulla Concorrenza, Legge per le PMI). E poi: controlli alle imprese più efficaci e...

Burocrazia semplificata per le PMI lombarde

Burocrazia semplificata Il Comitato per la semplificazione insediato dalla Regione Lombardia lo scorso 7 aprile ha reso noti i primi esiti delle consultazioni, che hanno dato origine a una serie di progetti volti a rendere meno difficoltosi i rapporti tra la PA e le imprese locali agevolando gli impegni burocratici. => Lombardia a burocrazia zero: Comitato Semplificazione Burocratic angel Tra le proposte presentate al Presidente della Regione dall'assessore alle Attività produttive Mario Melazzini e dal presidente del Comitato, Giulio Sapelli, figura anche l’’introduzione dei Burocratic angel a sostegno...

Imprese ICT: lo scadenzario per gli ISP

ISP Uno scadenzario per aiutare gli Internet Service Provider (ISP) a fare fronte ai numerosi adempimenti amministrativi ai quali le imprese del settore TLC-IT devono far fronte. Scadenzario per gli ISP A metterlo a punto è stata l'AIIP, Associazione Italiana Internet Provider: «particolarmente attiva su questo fronte per evidenziare all’attenzione delle Autorità competenti la necessità di rivedere, ridurre e centralizzare gli adempimenti amministrativi e soprattutto evitare ulteriori aggravi economici», dichiara Renato Brunetti, Presidente di AIIP. => Le imprese italiane pagano...

Lombardia a burocrazia zero: Comitato Semplificazione

Burocrazia imprese Rendendo operativa una parte della legge locale “Impresa Lombardia”, la giunta regionale ha deciso di avviare una serie di misure finalizzate alla riduzione della burocrazia partendo dalla creazione di un “Comitato per la Semplificazione”. Lo ha annunciato il Presidente Roberto Maroni, sottolineando come l’iniziativa rappresenti un intervento di sostegno a favore degli imprenditori in crisi. => Scopri le iniziative di sostegno agli imprenditori in crisi Semplificazioni «Vogliamo creare delle vere zone a burocrazia zero e lo faremo in tempi brevi, perché già entro...

PA italiana maglia nera: altri 20 mld per sanare i debiti

Ritardo Mentre i dati conferiscono ancora una volta la maglia nera alla PA italiana in termini di efficienza, il Tesoro annuncia un'altra trance da 20 miliardi di euro per saldare i debiti della PA arretrati. A rendere noto il via alle procedure per l'impiego di altri 19.725 milioni di euro per il 2014 è stata una nota del Ministero dell'Economia e Finanze con l'obiettivo di dare nuova linfa vitale alle imprese italiane, in crisi per il continuo ritardo nei pagamenti dalle PA che costano in media 7.000 euro all’anno (dati Cgia Mestre). Quelli che verranno saldati sono gli obblighi commerciali...

Le imprese italiane pagano le tasse più alte d’Europa

Tasse In Italia il carico fiscale è fra i più alti del mondo, mentre le tasse pagate dalle imprese sono senza dubbio le più alte d'Europa, con un carico fiscale del 65,8% contro una media del 41,1%: sono le principali evidenze del rapporto Paying Taxes 2014, di PriceWaterhouseCoopers, Banca Mondiale e IFC (International Finance Corporation). Il Rapporto Su 189 economie analizzate a livello globale, l'Italia scende di sette posizioni, al 138esimo posto nella classifica mondiale del peso fiscale, con imposizione media su un'azienda italiana superiore di oltre 20 punti rispetto al resto...

Tasse: IRPEF e burocrazia spingono i fallimenti

Marco Venturi presidente Confesercenti Pressione fiscale La pressione fiscale sulle imprese italiane pesa per 55%, salendo addirittura al 68,3% per le PMI, un macigno che ha costretto alla chiusura centomila realtà che negli ultimi diciotto mesi non sono riuscite a sostenere le alte tasse da pagare e la troppa burocrazia.Nei prossimi 3 mesi saranno 187 gli adempimenti fiscali a carico di imprese e famiglie per un valore di 100 miliardi di euro, al netto di IRPEF e IVA. A lanciare l'allarme sono stati Confesercenti e Cgia di Mestre. Praticamente lo Stato è il socio di maggioranza delle imprese, ha evidenziato il presidente di...

Risarcimento imprese per ritardi PA: la procedura nel Dl Fare

Decreto fare, il diritto al risarcimento per ritardi burocratici Le aziende italiane possono subito chiedere un indennizzo monetario per il ritardo burocratico della Pubblica Amministrazione nei loro confronti: è infatti operativa la misura del Decreto Fare che prevede un risarcimento in caso di lungaggini nell'avvio ed esercizio dell'attività di impresa (articolo 28 del Dl 69/2013, convertito nella L. 98/2013). La sperimentazione dura 18 mesi e dà diritto a  30 euro per ogni giorno di ritardo fino a un massimo di 2mila euro (leggi: Indennizzo imprese per ritardi PA). La procedura La domanda di rimborso è valida a partire dal 21 agosto 2013....

Indennizzo ritardi PA nel Decreto Fare: marcia indietro?

Deecreto del Fare, risarcimenti alle imprese per i ritardi della PA Non ci sono solo i ritardi dei pagamenti da parte della PA italiana a rappresentare un ostacolo per le imprese, ma anche le lungaggini burocratiche. Il Decreto Fare prevede che le imprese possano ottenere un indennizzo monetario dalle PA che ritardino la conclusione dei procedimenti amministrativi, ma sembra che la norma sia stata così ridimensionata da divenire quasi inutile. => Leggi la misura nel Decreto Fare Il comunicato del governo annuncia 50 euro per ogni giorno di ritardo dell'amministrazione, fino a un tetto massimo di 2mila euro ma indiscrezioni di stampa sul testo...

X
Se vuoi aggiornamenti su Burocrazia

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy